ERDO-CANE ERDO-CAZZO SHARIA

E BUONA LA NATO PER TUTTI I SHARIA ONU GENOCIDIO A TUTTI COME ERDO-CANE ERDO-CAZZO SHARIA NAZI CALIFFATO OTTOMANO IMPERIALISMO GALASSIA JIHADISTA .. Erdogan ha fatto un gran numero di osservazioni antisemite oltre Operazione di protezione perimetrale in Gaza, e ha minacciato di terminare il processo di normalizzazione con Israele per "terrorismo di Stato".
Ha anche accusato Israele di "bugie", perché "non abbastanza" ebrei israeliani sono morti nel conflitto, e ha confrontato ebraico Casa MK Ayelet Shaked ad Adolf Hitler.
L'American Jewish Congress ha chiesto a Erdogan di restituire un premio che gli diede nel 2004 a causa della sua critica di Israele. Il leader turco ha risposto dicendo che sarebbe "contento" per restituire il premio.
Erdogan ha anche avuto una lunga documentazione pubblica di dichiarazioni antisemite, tra cui diversi esempi recenti, nonostante gli sforzi per normalizzare le relazioni.
Diversi mesi fa, Erdogan preso a calci e picchiato un manifestante che ha avvicinato il premier nel maggio 2014 Soma miniera disastro.

Turkish Elections Likely to See Erdogan Re-elected
Anti-Semitic tirades and suppression of free speech aside, analysts claim Recep Tayyip Erdogan is set to win elections yet again.
Share on facebook Share on twitter Share on email Share on print More Sharing Services 0
By AFP and Arutz Sheva Staff
First Publish: 8/10/2014, 10:49 AM

Turkish Prime Minister Recep Tayyip Erdogan
Turkish Prime Minister Recep Tayyip Erdogan
Reuters

Prime Minister Recep Tayyip Erdogan is expected to vanquish his two rivals in elections Sunday to become the next Turkish president, promising to expand the post with new powers as opponents worry Turkey is creeping towards autocracy, according to an AFP analysis.

Erdogan, a pious Muslim, has ruled Turkey as premier since 2003, a period in which he has transformed the country with modernization projects but also faced accusations of a gradual Islamization and an erosion of civil rights.

Polls opened at 5 a.m. and are due to close at 2 p.m. GMT.

The polls are the first time Turkey will directly elect its president, who has previously been chosen by parliament, and in recent decades has fulfilled a largely ceremonial role.

However Erdogan, who is happy to be referred to by followers as the "Sultan," has made clear he intends to be a head of state who "sweats" and exercises real power.

His ruling Justice and Development Party (AKP) has vowed to seek to change the constitution to give the president more powers, which could give Turkey a presidential system similar to France rather than its current parliamentary democracy.

Yet his opponents accuse Erdogan of undermining the secular legacy of Turkey's founding father Mustafa Kemal Ataturk, who based the modern state after the collapse of the Ottoman Empire on a strict separation between religion and politics.

'National will, national power'

Opinion polls predict that Erdogan will easily win over 50 percent of votes to take Ankara's Cankaya presidential palace in the first round, with his main opposition rival Ekmeleddin Ihsanoglu lagging far behind in second place.

"There really is no uncertainty about this outcome. It's almost a foregone conclusion that Erdogan will win," said Sinan Ulgen of the Carnegie Centre.

While many secular Turks oppose Erdogan intensely, he can still count on a huge base of support from religiously conservative middle-income voters, particularly in central Turkey and poorer districts of Istanbul, who have prospered under his rule.

"We will write the history of the new Turkey on August 10," he told tens of thousands of cheering supporters in Ankara in one of his final election rallies.

Out of a population of some 76 million, 53 million voters were to cast their ballots at more than 165,000 polling stations.

Results are expected to come in rapidly, and many suspect Erdogan is already planning a victory speech from the balcony of AKP headquarters in Ankara around midnight.

Erdogan for over three months has spearheaded a lavish and immense campaign that has swamped the efforts of his rivals, holding mass rallies in almost 30 Turkish cities as his face glared on gigantic billboards at pedestrians in Istanbul at almost every street corner.

"National will, national power," reads his main election slogan.

Erdogan's main campaign advertisement - which had to be edited after a court ruled images of a woman praying violated Turkey's secular rules - has saturated national TV and shows the "people's president" leading thousands of ordinary Turks into the Cankaya administrative district in Ankara.

The campaign of Ihsanoglu - a bookish former head of the Organization of Islamic Cooperation (OIC) - has been modest by comparison, and Erdogan has gleefully belittled his main rival as a dreamy academic who will get nothing done.

The third candidate, Selahattin Demirtas of Turkey's Kurdish minority, has shown considerably more dynamism, and his charisma, flashing grin and fondness for white shirts with rolled-up sleeves have led him to be dubbed the "Kurdish Obama" in some quarters.

Yet Demirtas' campaign will be considered a success if he musters over 10% of the vote.

Erdogan fighting after 2013

Erdogan endured the toughest year of his rule in 2013 and was shaken by deadly mass protests sparked by plans to build a shopping mall on Gezi Park in Istanbul, which grew into a general cry of anger by secular Turks who felt ignored by the AKP.

Later in the year, stunning corruption allegations emerged against the premier and his inner circle, including his son Bilal, based on bugged conversations that enthralled the country like a soap opera.

But Erdogan has come out fighting, denying the allegations and blaming a former ally turned rival, the Pennsylvania-based Turkish cleric Fethullah Gulen, for launching a plot against him.

Erdogan has been aggressive at rallies, aiming jabs at foes like Gulen or even a critical female Turkish journalist who he denounced as a "shameless" woman in what were considered by many to be sexist statements.

With the election campaign coming amid Israel's counter-terror Operation Protective Edge in Gaza, Erdogan raised an uproar by saying the Jewish State was behaving even worse than genocidal Nazi leader Adolf Hitler.

If he wins, Erdogan will in late August take over as president from Abdullah Gul, a co-founder of the AKP who appears to have taken a distance from the pugnacious premier and whose political future is unclear. There will be great scrutiny on who Erdogan decides should be the new premier with Foreign Minister Ahmet Davutoglu seen as a possible choice.

Perilous time for Turkish Jewry

Erdogan has been a major proponent behind a rise in anti-Semitism in Turkey, as he spearheaded the turn of slowly-normalizing political ties back against the Jewish state.

Erdogan has made a slew of anti-Semitic remarks over Operation Protective Edge in Gaza, and threatened to end the normalization process with Israel over "state terrorism."

He has also accused Israel of "lies" because "not enough" Israeli Jews have died in the conflict, and has compared Jewish Home MK Ayelet Shaked to Adolf Hitler.

The American Jewish Congress has asked Erdogan to return an award it gave him in 2004 due to his criticism of Israel. The Turkish leader responded by saying he would be “glad” to return the award.

Erdogan has also had a long public record of anti-Semitic statements, including several recent examples, despite efforts to normalize relations.

Several months ago, Erdogan kicked and beat a protester who approached the premier over the May 2014 Soma mine disaster.

"Why are you running away from me - Israeli sperm!" he shrieked, slapping the protester, in video footage uploaded to Sozcu TV. The word "sperm" is seen as a particularly offensive insult in Turkish. The footage later shows security forces beating the man.

In 1998, prior to his stint as PM, Erdogan - then mayor of Istanbul - infamously declared that "the Jews have begun to crush the Muslims in Palestine, in the name of Zionism. Today, the image of the Jews is no different than that of the Nazis."

Approximately 17,000 Jews live in Turkey, where 69% of the general population was revealed recently to hold anti-Semitic views.

Elezioni turche probabilità di vedere Erdogan Rieletto
Filippiche anti-semiti e la soppressione della libertà di parola a parte, gli analisti sostengono Recep Tayyip Erdogan è impostato per vincere le elezioni ancora una volta.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su email Condividi su stampa altri servizi di condivisione 0
Con AFP e Arutz Sheva Staff
Prima pubblicazione: 2014/08/10, 10:49

Il primo ministro turco Recep Tayyip Erdogan
Il primo ministro turco Recep Tayyip Erdogan
Reuters

Il primo ministro Recep Tayyip Erdogan è atteso per sconfiggere i suoi due rivali alle elezioni Domenica a diventare il prossimo presidente turco, promettendo di espandere il post con nuovi poteri come oppositori temono la Turchia è strisciante verso l'autocrazia, secondo un'analisi AFP.

Erdogan, un musulmano pio, ha governato la Turchia come primo ministro dal 2003, un periodo in cui egli ha trasformato il paese con progetti di modernizzazione, ma anche affrontare le accuse di una graduale islamizzazione e l'erosione dei diritti civili.

Sondaggi aperti alle 5 del mattino e sono dovuti per chiudere a 14:00 GMT.

I sondaggi sono la prima volta la Turchia eleggere direttamente il suo presidente, che è stato precedentemente scelto dal parlamento, e negli ultimi decenni ha assolto un ruolo largamente cerimoniale.

Tuttavia Erdogan, che è felice di essere denominato dai seguaci come il "Sultano", ha chiarito che intende essere un capo di Stato che "suda" e esercita il potere reale.

La sua sentenza Giustizia e Sviluppo (AKP) ha promesso di cercare di cambiare la Costituzione per dare più poteri al presidente, che potrebbero dare la Turchia un sistema presidenziale simile alla Francia piuttosto che il suo attuale democrazia parlamentare.

Eppure i suoi avversari accusano Erdogan di minare l'eredità secolare di padre fondatore della Turchia Mustafa Kemal Ataturk, che fonda lo Stato moderno dopo il crollo dell'Impero Ottomano su una rigida separazione tra religione e politica.

'Volontà nazionale, il potere nazionale'

I sondaggi prevedono che Erdogan sarà facile conquistare il 50 per cento dei voti per prendere Cankaya palazzo presidenziale di Ankara al primo turno, con il suo principale rivale opposizione Ekmeleddin Ihsanoglu molto indietro al secondo posto.

"Non c'è davvero nessuna incertezza su questo risultato. E 'quasi scontato che Erdogan vincerà", ha detto Sinan Ulgen del Centro Carnegie.

Mentre molti turchi laici si oppongono Erdogan intensamente, che può ancora contare su una grande base di appoggio da elettori religiosamente conservatori medio reddito, in particolare in Turchia centrale e distretti più poveri di Istanbul, che hanno prosperato sotto il suo dominio.

"Scriveremo la storia della nuova Turchia il 10 agosto", ha detto decine di migliaia di sostenitori tifo ad Ankara in uno dei suoi comizi elettorali finali.

Su una popolazione di circa 76 milioni, 53 milioni di elettori dovevano esprimere la loro preferenza a più di 165.000 seggi elettorali.

I risultati sono attesi per entrare rapidamente, e molti sospettano Erdogan è già in programma un discorso di vittoria dal balcone della sede dell'Akp ad Ankara intorno a mezzanotte.

Erdogan per oltre tre mesi ha guidato una campagna ricca e immensa che ha inondato gli sforzi dei suoi rivali, tenendo manifestazioni di massa in quasi 30 città turche come il suo volto fissò su giganteschi cartelloni pubblicitari a pedoni a Istanbul in quasi ogni angolo di strada.

"Volontà nazionale, il potere nazionale," legge il suo principale slogan elettorale.

Principale campagna pubblicitaria di Erdogan - che ha dovuto essere modificato dopo le immagini di una donna che prega regole secolari violazione della Turchia un tribunale ha deciso - ha saturato TV nazionale e mostra il "presidente del popolo" che porta migliaia di turchi comuni nel distretto amministrativo Cankaya ad Ankara.

La campagna di Ihsanoglu - un ex capo libresca dell'Organizzazione della Cooperazione Islamica (OIC) - è stata modesta in confronto, e Erdogan ha allegramente sminuito il suo rivale principale, come un accademico sognante che otterrà nulla di fatto.

Il terzo candidato, Selahattin Demirtas della minoranza curda in Turchia, si è dimostrato molto più dinamismo, e il suo carisma, sorriso e simpatia lampeggiante per camicie bianche con le maniche arrotolate lo hanno portato ad essere soprannominato il "curdo Obama" in alcuni ambienti.

Eppure la campagna Demirtas 'sarà considerato un successo se lui raduna oltre il 10% dei voti.

Combattimento Erdogan dopo il 2013

Erdogan ha subito il più duro anno del suo regno nel 2013 e fu scossa da proteste di massa mortali innescate dalla piani per costruire un centro commerciale su Gezi Park di Istanbul, che crebbe in un grido generale di rabbia da parte turchi laici che si sentivano ignorati dal AKP.

Più tardi nel corso dell'anno, splendidi accuse di corruzione emersi contro il premier e la sua cerchia, tra cui il figlio Bilal, sulla base di conversazioni spiati che affascinarono il paese come una soap opera.

Ma Erdogan è venuto fuori combattimento, negando le accuse e incolpare un ex alleato trasformato rivale, il chierico turco a base di Fethullah Gulen Pennsylvania, per il lancio di un complotto contro di lui.

Erdogan è stato aggressivo ai raduni, che mira a colpi nemici, come Gulen o anche una critica femminile giornalista turco che ha denunciato come una donna "svergognata", in quanto sono stati considerati da molti come affermazioni sessiste.

Con la campagna elettorale venuta in mezzo a contro-terrorismo di Israele Operazione protettiva bordo di Gaza, Erdogan ha sollevato un putiferio dicendo che lo Stato ebraico si comportava peggio di genocidio leader nazista Adolf Hitler.

Se vince, Erdogan sarà alla fine di agosto assumere come presidente dal Abdullah Gul, co-fondatore del AKP, che sembra aver preso una certa distanza dal premier pugnace e il cui futuro politico è chiaro. Ci sarà grande controllo su chi decide Erdogan dovrebbe essere il nuovo premier con il ministro degli Esteri Ahmet Davutoglu visto come una possibile scelta.

Tempo pericoloso per la comunità ebraica turca

Erdogan è stato tra i principali fautori dietro un aumento dell'antisemitismo in Turchia, come ha guidato il turno di legami politici lentamente-normalizzanti schiena contro lo Stato ebraico.

Erdogan ha fatto un gran numero di osservazioni antisemite oltre Operazione di protezione perimetrale in Gaza, e ha minacciato di terminare il processo di normalizzazione con Israele per "terrorismo di Stato".
Ha anche accusato Israele di "bugie", perché "non abbastanza" ebrei israeliani sono morti nel conflitto, e ha confrontato ebraico Casa MK Ayelet Shaked ad Adolf Hitler.
L'American Jewish Congress ha chiesto a Erdogan di restituire un premio che gli diede nel 2004 a causa della sua critica di Israele. Il leader turco ha risposto dicendo che sarebbe "contento" per restituire il premio.
Erdogan ha anche avuto una lunga documentazione pubblica di dichiarazioni antisemite, tra cui diversi esempi recenti, nonostante gli sforzi per normalizzare le relazioni.
Diversi mesi fa, Erdogan preso a calci e picchiato un manifestante che ha avvicinato il premier nel maggio 2014 Soma miniera disastro.

"Perché stai scappando da me - sperma israeliano!" egli gridò, battendosi il contestatore, in riprese video caricato Sozcu TV. La parola "sperma" è visto come un insulto particolarmente offensiva in Turco. Il filmato mostra poi le forze di sicurezza battere l'uomo.

Nel 1998, prima della sua esperienza come PM, Erdogan - allora sindaco di Istanbul -. Infame dichiarato che "gli ebrei hanno cominciato a schiacciare i musulmani in Palestina, in nome del sionismo Oggi, l'immagine degli ebrei non è diverso da quello dei nazisti. "

Circa 17.000 ebrei vivono in Turchia, dove il 69% della popolazione generale è stato rivelato di recente per avere opinioni antisemite.
@Saudi Arabia, Pakistan, one only nucler power --- io devo realizzare l'uomo spirituale (Abele), e disattivare la malvagità, dell'uomo carnale (Caino), perché, circa, la disumana natura divina (ed è per questo, che, Gesù, avrà sempre pochi "clienti", cioè, troppo pochi veri cristiani, ed è per questo, che, tutte le religioni del mondo, sono costrette a diffondere miliardi di ipocriti sul pianeta), Certo, questa natura divina, che, ha dato a me la possibilità di diventare Unius REI (per essere stato io un ambizioso, in modo, spirituale, per avere rifiutato io, tutti gli onori, tutti i beni di questo mondo di tenebre, per essere io, solamente, la proprietà di Dio... cioè, come un monaco eremita nel mio cuore, cioè: "l'amore di Dio fino al disprezzo di se, contro, l'amore del mondo, fino al disprezzo di Dio" come, ha detto Santo Agostino), poi, il male, che, io ho voluto a me stesso, io non lo auguro ai miei nemici... perché dal mio punto di vista, io non conosco la categoria del nemic, perché, nessuno progetto imperialistico è nel mio cuore

@Saudi Arabia, Pakistan, one only nucler power --- e perché, io dovrei amare troppo, una moglie troppo prostituta come Israele? non siete voi, più vicini al mio cuore, cioè, al cuore di un fondamentalista biblico, più di chiunque altro? ma, con la sharia, voi avete fatto, contro di me, una condanna a morte, per sterminio.. quindi, non sono stato io, che, io ho scelto voi, come nemici, siete voi, piuttosto, che, mi costringete alla autodifesa, ed io ho il diritto di difendere la mia vita, e la vita di tutto il genere umano, perché, continuare, a odiare poveri ed innocenti cristiani, questo, significa, portare a distruzione, tutto il genere umano, attraverso, una inevitabile guerra mondiale! perché no è Allah, ma è la Cabala del Talmud, farisei FMI, Spa, che, ha fatto di voi i maniaci religiosi totalmente pazzi

@Saudi Arabia, Pakistan, one only nucler power -- 1. perché, voi state facendo tutto quello, che, vuole Rothschild, per distruggere il genere umano? 2. perché, il Ministero della Pubblica Istruzione, in Pakistan obbliga, anche, i bambini cristiani a studiare, che, è giusto uccidere i cristiani? 3. solo voi non sapete, che, non ci sono veri cristiani al potere, in Occidente? infatti, massoni e satanisti, (di cui, voi fingete di essere alleati) hanno preso il controllo... per essere loro, troppo felici, di come voi potete uccidere innocenti martiri cristiani

all gratis, to all, all free to all, im Unius REI king of Israel

@FMI-NWO 666 fariseo Rothschild --- cosa dice la tua cabala, circa Uniu REI? lol. io vi romperò il culo!

@ Rothschild, 666, IMF, Pharisees, wahhabisti, Islamists, 322, Bush [one only one, synagogue of Satan, to destroy Israel] - when you descend into hell, with all the your accomplices? will end up, in an instant, all, your boldness.. [una sola sinagoga di satana per distruggere Israele]-- quando voi scenderete all'inferno, con tutti i vostri complici? finirà in un attimo, tutta, la vostra baldanza

@ Israel stabbed by everyone? lol. do not say nonsense, MR: "all" does not exist, there is only the NWO-IMF, of 322 Bush and 666 Rothschild --- but, you ISRAEL, YOU HAVE THE CHANCE TO KILL THEM! [who has deleted my comment on, / israelnationaltv / discussion?]

@IsraEle pugnalato da tutti? lol. non diciamo sciocchezze, IL SIGNOR: "tutti", non esiste, esiste soltanto, il NWO-FMI, di 322 Bush, e di 666 RothiscHild --- ma, tu ISRAELE, TU HAI LA POSSIBILITÀ DI FARLI UCCIDERE!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
9 mesi fa

Unesco, sospesi diritti voto Usa-Israele. Per stop a finanziamenti dopo l'ingresso della Palestina. 08 novembre, # PARIGI, 7 NOV - L'Unesco ha sospeso il diritto di voto degli Stati Uniti, due anni dopo che Washington ha deciso di interrompere i propri contributi finanziari per protesta contro l'ammissione della Palestina come Stato membro. Lo riferiscono fonti interne all'organizzazione, citate dall'agenzia France Presse. La sospensione coinvolge anche i diritti di voto di Israele, per le stesse motivazioni.@Unesco,--- ben fatto! ed adesso cosa tu farai per la pena di morte di Apostasia e Blasfemia, per 300 martiri cristiani uccisi ogni giorno dalla Lega Araba, per lo stato di dhimmi per 300.000 di cristiani?
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
7 mesi fa

[691/26dic.12,57] [ perché vi meravigliate, che, il #massone #Shinzo #Abe, finge, di fare il nazista? Rothschild, Spa, Banca Mondiale, ha disperatamente bisogno, della guerra mondiale, per non fare scoprire la truffa, del #fondo #monetario #internazionale] #Giappone: tensioni con Cina e Corea Sud, Autorità esprimono 'rammarico e rabbia',decisione 'anacronistica, 26 dicembre, #ANSA-AFP-REUTERS #ROMA, #autorità #sudcoreane, dopo quelle #cinesi, condannano la visita del primo ministro giapponese Shinzo Abe a Yasukuni Shrine, il santuario della pace nazionale dedicato ai soldati che, morirono combattendo al servizio dell'Imperatore. Un portavoce del governo #sudcoreano esprime infatti ''rammarico e rabbia'' per la decisione del premier #giapponese che viene definita ''anacronistica''. Le autorità cinesi parlano invece di decisione ''assolutamente inaccettabile''. ma, #Erdogan e la Lega Araba, loro non fingono, loro sono veramente, i nazisti dello #Onu #Ue #Usa #Fmi #Nwo
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
7 mesi fa

[703/27dic.7, 47] #Arafat, #Muslim, #Neturei Karta #nkusa, etc.. them will die devoured by hate, like, enemies, traitors of the Kingdom of God, because, manifestly, they oppose, against, #biblical prophecies, which, if then the # Torah (the foundation) is not #Word of God #YHWH, then, no other religion, or alleged word of God, could be the Word of God! from this we know Satanists, that is, to all those who oppose the #reunification of the 12 #tribes of #Israel. not be with #Israel, today, is to be with, #Satanists #Neturei Karta #nkusa, that want to do, of the whole human race, only a bunch of slaves, that is, how their #satanic #Talmud said!
 ·
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
7 mesi fa

[ 712/27dic.10,45] #UE USA ANTICRISTO massonico, per il signoraggio bancario rubato [ tu non hai, più nessun motivo, di tenere i tuoi patriot in Turchia, anche perchè, la Turchia dei nazisti, il complotto #lega #araba, contro, il genere umano, e contro, israele, ha perso, 1000 volte, ogni diritto, di poter entrare in #Europa] #ANKARA, #Muammer #Akkas, il procuratore turco, che, ha denunciato pressioni su una nuova fase dell'indagine, sullo scandalo #corruzione, in Turchia è stato rimosso perché "ha gestito male il caso". Lo dice il #procuratore capo di Istanbul, Turhan Colakkadi, precisando che #Akkas ha parlato con i media senza avvertire i suoi superiori. Secondo diversi quotidiani #Akkas avrebbe ordinato l'arresto di decine nomi eccellenti del sistema Akp, fra cui deputati e imprenditori. [ ormai #Erdogan si muove come #Hitler, nelle sue farneticanti richieste di annessioni territoriali, ha mandato una nave in #egitto carica di armi ai suoi #islamici #terroristi, ha tradito #Israele, in ogni modo, rivelando allo #Iran, dei suoi agenti segreti, ecc.. ] lascia, Iran, Arabia Saudita, Turchia, subito, se, tu non vuoi essere punito insieme a loro.
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
7 mesi fa

[426/17dic] Jesus and the Apostles have never been religious people, they were looking for, only, the kingdom of God, politically, as lay people, that, have stolen #Pharisees, #Illuminati #occultists of Baal, the god Owl to the #Bohemian Grove, all the loan sharks, loan sharks, parasites #Spa, #Fed, #Bce, #IMF, #World #Bank, have stolen! Why, without,  #monetary #sovereignty, it is impossible even the existence of #sovereignty #politics.
That's why the #Apostles, in their last question, which they did to Jesus, before, of, ascend, to heaven they asked, "when you piece together the #Kingdom of Israel?" and Jesus could not say "at the time of #Unius #REI, this could happen," because that his disciples could not understand!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
7 mesi fa

400/15dic] #Israele, seguire la #Russia, è la tua sola speranza di salvezza, non puoi stare nel #FMi, dei #satanisti #farisei, #Spa, #Illuminati, del #sistema #massonico, e poi dire, Dio mi aiuterà, perché io mi chiamo Israele, perché, non funziona così, nel #Regno di #Dio. 12/13/2013, #RUSSIA, #Putin launches #Russia as the global guarantor of "traditional values". by Nina Achmatova, In the annual speech to both Houses of Parliament, the head of the Kremlin criticizes amoral and anti-democratic West and defends the conservative policies of Russia. The defense of Christian values in the world, Moscow’s new weapon of soft power.
Moscow (AsiaNews) In his annual address to the nation on December 12 , President Vladimir Putin has defended the "conservative nature" of Russian politics and promoted the country as a champion of the international "traditional values" , against a West that "is reviewing its norms of morality. " For some it is becoming clearer that the Kremlin is increasingly focusing on these issues as only true weapon of soft power, after years of being unable to compete against the leitmotif of American "export of democracy " . Putin defended the national policies in defense of the child and the family, as well as the controversial law against ' #gay #propaganda ' , which has attracted much criticism in the international community . "We know that there is' a growing number of people in the world, which supports our position on the need to defend the traditional values ​​that have formed the foundation of every civilized nation for thousands of years ," he said, speaking in front of the Houses of Parliament and numerous guests such as the Patriarch of Moscow , Kirill . "Today, many countries are revising their moral and ethical norms, erasing their national traditions and the differences between nations and cultures" he said. A criticism directed not only towards the U.S., but also Europe, where same-sex marriages have been legalized, and more generally those countries where society is required to recognize not only "the equivalence of different opinions and political views ," but also " the recognition of equivalence of good and evil." "This destruction of traditional values from above not only entails negative consequences for society, but is also inherently #anti-democratic because it is based on an abstract notion and runs counter to the will of the majority of people", he warned. ." #Russia , by contrast, "has a conservative point of view " , but conservatism does not stop society from progressing but "prevents it from falling backward into chaotic darkness and the state of primitive man.", citing #philosopher #Nikolai #Berdyaev. Claiming a role as a moral leader , the head of the Kremlin was keen to stress the substantial Moscow's difference to its eternal rival America.  Russia" does not aspire to be called some kind of superpower, understanding that as a claim to world or #regional #hegemony " or " to teach to others how to live". Putin is a professed #Christian #Orthodox, but has only firmly promoted traditional values ​​and the #Orthodox #Church itself as the foundation of the "successes " of the country and the basis of its unity in recent years. For some analysts, it is in defense of Christian values ​​that today's #Russia is trying to rediscover its historical function of a universal character , which has always characterized it - from its aspiration to being the Third Rome, to that of being the home of international communism - and that fatigue find after the collapse of the #USSR
 ·
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
7 mesi fa

[ 424/16dic ] I'm just a politician, but many have become: perverse, hypocritical, corrupt in the world ( there are too many religious people in the world, indeed, have all become #atheists, then, dogmatic of emptiness, which, they believe in criminal immortal theory of evolution), I judge , the people for their actions, not by their religion (and later, no one knows, or can know, with what religion, a person can die at the end of his life) and if I am forced to attack Islam, it is only because, the # #sharia,  has made of, Islam the #murderess, because, I have to attack each murderess , but this is the truth, every murderess, racist, hate even Jesus of Bethlehem ( lol. I wonder why , lol. ). and this is evident to all, I am attacked, maliciously, my religion, right from # Pharisees, who, so they did against Jesus, they do, too, against me, ambiguous situations, which may become traps, yet ( i do not believe that Jesus, and Unius REI , they have never had, a religion, or were prisoners of some religious tradition ), I do not have anything to hide, I love all religions, to Now, that, I want to participate in prayer , and to the rites of all religions , but , politically, I do not look at the religion of the people. I do not have to say anything about the religious choice of the people [ that's why, no religion, must enter into the political life of nations ]
 ·
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
7 mesi fa

[363/14dic] 12/13/2013 [tutta la malvagità, che, massoni farisei Bildenberg, Spa, Fmi, hanno diffuso per il mondo! ] #CHINA. Chinese boy who had his eyes gouged out leaves hospital. Six-year-old Bin-Bin spent almost four months in treatment at a Shenzhen hospital during which prosthetic eyes were implanted. Before going home, he left his toys "so that other children coming here for treatment can share" them." He is due back in six months for another operation that will allow him to capture images and detect what is in front of him. yes. [ 12/13/2013. God bless #RUSSIA ].
Putin launches Russia as the global guarantor of " #traditional values".
In the annual speech to both Houses of Parliament, the head of the Kremlin criticizes amoral and anti-democratic West and defends the conservative policies of Russia. The defense of Christian values in the world, Moscow’s new weapon of soft power.
 ·
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
7 mesi fa

[493/19dic] questo è stato dimostrato, è la #religione #islamica, e non i governi i responsabili degli omicidi e dei genocidi, contro, i cristiani. ed i #massoni# #farisei, #UE, #USA, #Fmi, sono complici in tutto questo! [if, not is demolished, the #IMF, and #Sharia will never be able to avoid #war #worldwide! ] 18/12/2013  #INDONESIA, all Christians in the world, they have to live in fear for the beast #Salafi #Saudi Arabia, the Nazi #imperialism #sharia law, a #Pharisee, #Anglo-American, #Spa, #Bildenberg, #nwo, #IMF] #INDONESIA, For #Indonesian #Ulema, #Christmas and New Year are "haram" and should not be celebrated, The leaders of the Islamic movement in Banda Aceh rail against the upcoming holidays, which are typical of "Western and Roman culture." Their nature "does not belong to the spirit of #Islam." They also issue warnings to Christians, who must "respect" sharia, and hotels, which must not organise celebrations or balls. #Jakarta, AsiaNews, The #Ulema #Advisory #Council of #Banda #Aceh ( #MPU), the capital of the #Indonesian #province of #Aceh, the only one where Sharia law is enforced, has called on the Muslim community not to "celebrate" #Christmas and New Year. A few days before the holidays, the #movement's #leaders issued a statement saying that the two events do not belong to the #Islamic #tradition, and for this reason should not be celebrated. The same occurred in 2003, when #Muslim #leaders in the province addressed their community, telling Muslims not to take part in the two festivities, which are typical of " #Western and #Roman #culture." At the time, #President #Abdurrahman 'Gus Dur' #Wahid personally spoke on the issue. An iconic figure across the nation for his defence of human rights and minorities, he told his compatriots to "feel free" to celebrate these festivities. Indeed, #Indonesians have celebrated the New Year for quite some time with dancing, drums, motorcycle racing in city streets and fireworks. However, "The nature of the celebrations for the New Year does not belong to the spirit of Islam," said MPU chief Tengku HAS Karih Syeikh. In a statement to fellow #Muslims, the leaders of the Islamist movement said that they should not send "greetings" and "best wishes" to Christians because "Christmas is not an integral part of the Islamic tradition.". "The law is clear," they explain. "It is haram (forbidden, according to the sharia)" and for this reason Muslims must refrain from going to parties, celebrations or festivities planned for the coming days. Ulema in Aceh have also warned the Christian minority to "respect" the province's Islamic rules and obligations. Any planned Christian ceremonies, they said, "must not disturb or create problems." This obligation also applies to local hotels and other accommodation facilities, which are already required not to hold celebrations or balls. Finally, the #ulema want the authorities to be strict in enforcing #Islamic law and severely punish anyone who violates it. #Indonesia is the most populous #Muslim #nation in the world. Increasingly however, it has become the scene of attacks or episodes of intolerance against minorities, whether they are Christians, Ahmadi Muslims or belong to other faiths. Aceh is the only Indonesian province where Sharia (Islamic law) is enforced, following a peace agreement between the central government and the Free Aceh Movement (GAM). Yet, in many other areas of the country, a more radical and extreme vision of Islam is spreading among #ordinary #Indonesians. Certain rules such as the #infamous building permit ( #Izin #Mendirikan #Bangunan or #IMB in #Indonesian) have been used to prevent the construction of Christian places of worship or stop construction already underway, as was the case for the Yasmin Church in West Java. #Catholics are a small minority of about seven million, or 3 per cent of the population. In the Archdiocese of Jakarta, the faithful represent 3.6 per cent of the population. #Catholics are nevertheless an active component of society and have contributed to the nation's development as well as to emergency operations when they arise, as was the case in last January's devastating flood. Although the country's #constitution recognises #religious freedom, #Catholics have been the victims of violence and abuse.
 ·
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
7 mesi fa

[525/20dic] voi state tutti per morire! to all this, the French, have felled, the #DC9 in #Ustica, to not reveal, that, #flying #saucers aliens, were, in #military #exercises, together with the #French! #Israeli, #British, #Germans, #Americans, know all this, because, in their nations, in fact, are made systematically, #human #sacrifices on the altar of Satan, by the secret services diverted (all secret facilities, unknown by the Government, and constructed by the #IMF), which obey to: #322, #Kerry, Bush #Nwo. voi state tutti per morire!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
7 mesi fa

[703/27dic.7, 47] #Arafat, #Muslim, #Neturei Karta #nkusa, etc.. them will die devoured by hate, like, enemies, traitors of the Kingdom of God, because, manifestly, they oppose, against, #biblical prophecies, which, if then the # Torah (the foundation) is not #Word of God #YHWH, then, no other religion, or alleged word of God, could be the Word of God! from this we know Satanists, that is, to all those who oppose the #reunification of the 12 #tribes of #Israel. not be with #Israel, today, is to be with, #Satanists #Neturei Karta #nkusa, that want to do, of the whole human race, only a bunch of slaves, that is, how their #satanic #Talmud said!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
7 mesi fa

[689/26dic.11,53] #Jerusalem, #Delegation #Romania commemorates #Holocaust, December 24, 14:44 [#Benjamin #Netanyahu, as you dared to put the yarmulke, kippah, on the head of a #goyim? ] Do not know, that, the [false] #star David, is a satanic symbol esoteric #IMF-NWO, that, you put even, on your #kippah, is why, you will to be utterly destroyed, from #Rothschild #Spa, #IMF, in #shoah2 #sharia nazi, for new #hollywood happy? [Committed suicide immediately, because you can not survive the destruction, imminent, to #Israel], however, that bastard #Erdogan, ie, the plot of the #Arab #League, kill you, will die! #criminal for saving their lives?, you have condemned your life! As has been rejected #Saul, also, you have been rejected! you have brought ruin to #Israel!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
7 mesi fa

[ 575/21dic ] my #Saudi Arabia, every year, 20,000 people , innocent people , they disappear, swallowed up , from the satanism of, #Mexico ( all victims of #drug #traffickers, and #Satanists Americans, #U.S., #IMF, #Pharisees #Talmud ) , are almost all poor, #Latin #America, that, they seek, in, #Usa the job. but , they are captured, and, in part: 1 . their #organs are sold , in part: 2 . #end up, on the altar of #Satan, in part, 3 . become slaves! but, without the perversion institutional, #Kerry Bush , #Obama, #Satanism #institutional, 322, " #skull #and #bones " of the #U.S. ? this #Satanism this would never have happened! and, I believe, that, for these innocent people, 20,000 are victims, in #Mexico? human race, everything, no longer deserves to survive ! You may not think, to be of God, and then, as my brother in law, said, " I do not care nothing of others!" Because, there is only one God, who has done all , to end up believing, like a #Pharisee, that, the demon god, did too , the #slaves to our happiness! [[if you will not come to me, so many people will die, that the world will become a desert! se, tu non verrai verso di me, moriranno così tante persone, che, il mondo diventerà un deserto!]]
 ·
Rispondi
 ·
dominusUniusRei
7 mesi fa

[761/28dic.21,26] #Obama, di chi tu sei diventato il #presidente? del popolo delle #vittime, del #signoraggio #bancario, del sistema massonico dei #farisei, Spa, Fed, sinagoga Marduk! Perché, Bush, 322, Kerry, Rothschild Fmi, Nwo, sono al di sopra del tuo controllo. Allora, sono i satanisti i veri padroni di USA, e del mondo, ecco perché, il genere umano ha le ore contate, questa volta! non soltanto, i tuoi satanisti, che, Nsa, Cia, ha imposto a google e youtube, di cui hanno preso il controllo, nascondono il 70% dei miei articoli su:
http://www.youtube.com/user/googleplusupdates/discussion
http://www.youtube.com/user/israelnationaltv/discussion
ma, questa è la verità; loro hanno manipolato, nascosto, anche gli articoli sulla mia pagina, e questo è un crimine, contro, tutto il Genere umano, oltre, che, una violazione del loro impegno (giuramento), nei confronti, del Governo massonico di yuotube.
Rispondi
 ·
Universal BROTHERHOOD
9 mesi fa

sapete tutti molto bene, quello, che, vi accadrà, perché, voi avete dissubidito, alle mie volontà: "non è possibile dare, il nucleare ai nazisti della sharia, agli assasini seriali, di innocenti martiri cristiani! QUESTO, PROPRIO NON È POSSIBILE!"
Rispondi
 ·
Mr Universal Metafisico
3 mesi fa

USA 666 FMI Spa --- coglioni, è colpa vostra se non siete abituati a perdere!
Rispondi
 ·
Nessuno Unius REI
9 mesi fa

ONu 666 nazisti, covo di assassini, sharia di merda, anticristi --- 26 marzo 2009, risoluzione, n°62/154, "per continare ad uccidere i martiri cristini innocenti!" --STUPRATORI DEI DIRITTI UMANI, ASSASSINI! babilonia la grande prostituta, in cui fu trovato, il sangue dei santi martiri di Dio!! giuro, nel nome di Gesù, sul Trono di Dio JHWH, io ve la farò pagare.

 #666 #ONU ] e perché, #anticristo , dovrà sorgene in: #EU , #322, #Europa #sistema #massonico , #Bildenberg , dello anticristo Herman Achille Van #Rompuy ), nella sede, di tutti gli anticristi dello ONU, e di tutte le loro #criminali nazioni della #sharia , della #Lega #ARaba , per uccidere i martiri #cristiani , e, invece, #anticristo non sorgerà, dalla patria del #satanismo , il #trono dei #Illuminati , #farisei #FMI-NwO , che sono gli #USA ? --- risposta --- perché, al tempo dello anticristo, gli #USA , saranno stati distrutti da Dio, attraverso, un #asteroide , spugnoso, frammentato, grande come, quello, che, ha formato il #golfo del #messico , e con le sue ceneri #moriranno , per scendere, allo #inferno , anche, un terzo, del #genere umano, cioè, tutte le persone in #peccato #mortale !

Napolitano, scatto orgoglio dirigenti Ue: "ci dobbiamo riprendere la nostra costituzionale sovranità, monetaria, che, Rothschild ed i massoni ci hanno rubato, quindi non saremo più costretti a pagare il signoraggio bancario e a restituire il debito pubblico! alleuia! Evviva, l'orgoglio, del nostro grande PRESIDENTE, Giorgio Napolitano!"

[in realtà, il commento, che, io credevo cancellato, esiste, ma, sono io, che, non riesco a vederlo, dal computer di casa mia ] 666 youtube criminale, da un computer del posto di lavoro, io sono riuscito a vedere, come, il presente articolo, che, io non riesco a vedere, da casa mia, in realtà, non è stato cancellato, MA, VOI AVETE FATTo, QUESTO #filtro NSA DATAGATE, CONTRO DI ME, PER FARMI APPARIRE UN PERSONA GOFFA, CHE, NON riesce a DISTINGUERE, LA DIFFERANZA, TRA IL "COMMENTO PIÙ RECENTE" e "il commento più popolare" [] lorenzojhwh Unius REI

@Israele-- chi ha cancellato i miei commenti, contemporaneamente, su
http://www.youtube.com/user/IsraelNationalTV/discussion
http://www.youtube.com/user/theyearinreview/discussion cioè gli stessi commenti di http://www.youtube.com/channel/UC1UGcT4Mcde4CwkzMHm9JlQ/discussion
@ISRAELE--  tu sei stato pugnalato, da tutti tradito, quindi, in questa situazione disperata, di scacco matto dell'IRAN, tu devi fare, e puoi fare, soltanto, un azione spregiudicata, 1. distruggere in due ore la LEGA ARABA, che, è quello che io ti consiglio di fare, oppure, passare dalla parte di Iran, Cina e Russia ed abbandonare il FMI di satana!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
7 mesi fa

[ 66059/25dic.21,58 ] Isaiah 62:11-12 [ we, into the kingdom of God , we believe in free will , we do not impose , life and happiness , to those , who insist to remain in the shadow of the death of the IMF , livestock human bestiality, for, theory eternal #evolution religion #talmud. ] [ But , if you want, the #prophecies can be made, because , I'm Unius REI ] 11 . Behold, the LORD proclaims to the ends of the earth: " Say to the Daughter of #Zion, Behold, your salvation comes; behold, has with him his wages . and his recompense before him. 12 . They will be called " The Holy People", " The redeemed of the LORD," and thou shalt be called , " Sought", " The city not forsaken . 'But, if you have chosen the realm of the #synagogue of Satan, the #Pharisees, #Bildenberg #Fed, #Ecb, #Imf, then , do not look to the sky. in the hour of your doom, from which it is born, your and his, father, Satan the devil.
Sator Arepo [ https://plus.google.com/105981472687920046365 ]
commented on a video on YouTube. Thanks for uploading these videos about this great Professor , a scholar prepared theoretically , but also empirically . Certainly , on Freemasonry and the occult centers , claims have been made , far above, of, vulgarity and banality . [ WHY THEN YOU HAVE DARED thank me ? why, CORNER OF HELL, you COMES FROM, YOUR HYPOCRISY ?] #Cecilia #Gatto #Trocchi 's statements were so vulgar and trivial , that those of the #Satanic #Freemasons have killed her! What do you call your sect ? [ 656/25dic ] #benjamin #netanyahu , because you have not yet destroyed, the #Arab league, with a nuclear preventive attack? why, you're #Isaac, which yourself, must do sacrifice , by his Father #Rothschild , #Spa , #IMF? Then the #Pharisees them, they will do, the money in Hollywood, with the next Shoah2, too? [Ok] we the Kingdom of God , we will be forced to intervene this time! but , I do not think that, too many people remain standing , this time
 ·
Rispondi
 ·
Universal BROTHERHOOD
9 mesi fa

[in realtà, il commento, che, io credevo cancellato, esiste, ma, sono io, che, non riesco a vederlo, dal computer di casa mia ] 666 youtube criminale, da un computer del posto di lavoro, io sono riuscito a vedere, come, il presente articolo, che, io non riesco a vedere, da casa mia, in realtà, non è stato cancellato, MA, VOI AVETE FATTo, QUESTO #filtro NSA DATAGATE, CONTRO DI ME, PER FARMI APPARIRE UN PERSONA GOFFA, CHE, NON riesce a DISTINGUERE, LA DIFFERANZA, TRA IL "COMMENTO PIÙ RECENTE" e "il commento più popolare" [] lorenzojhwh Unius REI
23 ore fa

@Israele-- chi ha cancellato i miei commenti, contemporaneamente, su
http://www.youtube.com/user/IsraelNationalTV/discussion
http://www.youtube.com/user/theyearinreview/discussion cioè gli stessi commenti di http://www.youtube.com/channel/UC1UGcT4Mcde4CwkzMHm9JlQ/discussion
@ISRAELE--  tu sei stato pugnalato, da tutti tradito, quindi, in questa situazione disperata, di scacco matto dell'IRAN, tu devi fare, e puoi fare, soltanto, un azione spregiudicata, 1. distruggere in due ore la LEGA ARABA, che, è quello che io ti consiglio di fare, oppure, passare dalla parte di Iran, Cina e Russia ed abbandonare il FMI di satana!
Lorenzojhwh Unius REI
Rispondi
 ·
Lorenzojhwh Mahdì ALLAH
7 mesi fa

[785] lorenzojhwh Mahdi ALLAH [784/30.12.2013/07: 78] Pharisees, usurers, Bildenberg, communists, Spa, IMF, seigniorage banking, Fondo Monetario Internazionale, representing the State, for do, to destroy humanism, of, Jewish-Christian civilization, to raise the 'Satan, that, was many time ago, of the monsters zombies, of Salafis, Wahhabis, cannibals, satanists, murderers, all corporations, new babylon tower, this is the happy time for all criminals, this is the realm of evil! [688/256dic.11, 19] Wolf [Turkey, the Arab League] is ingroppando the [EU Bildenberg antichrist masonic system], the whore? enjoys drinking the blood of Christian martyrs!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
7 mesi fa

[709/27dic.10,04] IHateNEWLAYOUT 666 Cia, Nsa, said (satana salva, to me) but: on, http://www.youtube.com/user/israelnationaltv/discussion [said]
[Even though Christianity is an offshoot of the Jewish faith, the gulf between the two belief systems is great, and there is no reason for us to pretend otherwise. Judaism and Christianity have a lot in common, to be sure, but, the stumbling point is most certainly Jesus and His mission to the world, including the Jewish world. For too long Jews and Christians have been engaging with each other by ‘dancing’ around the real issues. I have been involved in this field since 1975 and therefore can speak from experience.  [This is not a problem for me, because, only, a politician, for the rationality of the agnostic, this is my political language universal, I am the Natural law, which was founded by the 10 Commandments of Moses, do good and avoid evil] [ tutto questo non è un problema per me, perché, soltanto, un politico, per, la razionalità dello agnostico, questo, è il mio linguaggio politico universale, io sono la legge Naturale, che, nasce dai 10 Comandamenti di Mosé,  fai il bene ed evita il male ]
 ·
Rispondi
 ·
dominusUniusRei
7 mesi fa

[760/28dic.21,26] lo sapevo, i satanisti, cannibali, istituzionli internazionali, di #Nsa, #Cia, del #sistema #massonico #Bildenberg #Fmi, #Spa, Herman #Van #Rompuy, #Merkel, Bush 322 Kerry, che, hanno preso il controllo di #google e di #youtube, hanno reso invisivile sulla mia pagina di
http://www.youtube.com/user/ShalomGerusalemme/discussion
questo commento -> [753/28dic.1740] [ USA Spa Bildenberg sistema massonico 322 Fmi FED 666 Cia Nsa #Datagate ] [ queste sono le vostre credenziali! ]
IIlIIllIlII ( sacerdote assassino tedesco per, migliaia, di sacrifici umani sullo altare di satana ) ha pubblicato un commento
He lies on his back in the dirt right before my eyes I can nail him to it I can not believe it at all. The blood splattering bone breaks the bastard scream at. I'll get the next nail and hit him in the pig. As thunder hits the hammer to the nail He writhes in pain because it goes to the bone. With slobber and drool I war one does not bring me some more nails more nails for the pig.
They had condemned him his fate seemed sealed. They had beaten the bastard half-dead. His body was torn to pieces but that they were not enough with the crown of thorns they put him on trial before the people. Crucify him crucify him was the verdict Shortly afterwards with his cross he crawled through the streets. I was the executioner with a hammer was waiting for him but unfortunately only three nails for the Jews son...
 ·
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
1 mese fa

i leader massoni e satanisti USA UE NATO, non rappresentano più, i loro popoli, sono soltanto una MAFIA criminale! tutti i complici di Rothschild! "NON C'è DUE, SENZA TRE", quindi, voi ORA FATEVI ANCHE, QUESTA TERZA GUERRA MONDIALE! voi non dovevate permettere, che, i farisei potevano rubare il signoraggio bancario! e che, le lobby massoniche rendessero una truffa il sistema dei partiti politici!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
1 mese fa (modificato)

http://dominusuniusrei.blogspot.com/2014/06/sono-stati-castrati.html e perché Rothschild ha rubato la sovranità monetaria, attraverso le lobby massoniche, che, gli Stati sono stati castrati, in questo ambito, la LEGA ARABA, ONU OCI SHARIA culto, HA POTUTO APRIRE tutto lo inferno dei suoi orrori! C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
1 mese fa

tutti i nuovi diritti umani ONU sharia di Obama Gender! C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
1 mese fa

[ drammatico appello ai BOIA: SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, Abd al-Fattah Khalil al-Sisi, Abd Allah II di Giordania, IN RELAZIONE A CHE COSA, VOI PENSATE DI TROVARE MISERICORDIA? LA VOSTRA ORA, VIENE VELOCE! ] 26/01/2011
«Traffico di esseri umani Business da 32 miliardi»
http://www.avvenire.it/Dossier/eritrei/Pagine/Traffico%20di%20esseri%20umani%20Business%20da%2032%20miliardi_201101260827549630000_201101260836500170000.aspx 16/01/2011 «Sinai, ci sono altri trentadue profughi in mano ai predoni»
http://www.avvenire.it/Dossier/eritrei/Pagine/Sinai%20ci%20sono%20altri%20trentadue%20profughi%20in%20mano%20ai%20predoni_201101170928347700000_20110117102027177000.aspx 07/01/2011
Ancora tensioni sul Sinai «Si muova la comunità internazionale»
http://www.avvenire.it/Dossier/eritrei/Pagine/il%20caso%20degli%20eritrei%20in%20ostaggio_201101071201499600000_201101071204564100000.aspx 06/01/2011
Sinai, ancora violenze Ucciso giovane eritreo
http://www.avvenire.it/Dossier/eritrei/Pagine/Sinai%20ancora%20violenze%20Ucciso%20giovane%20eritreo_201101060835505000000_201101061445194230000.aspx 05/01/2011
Nel Sinai sparatoria tra predoni e polizia
http://www.avvenire.it/Dossier/eritrei/Pagine/Nel%20Sinai%20sparatoria%20tra%20predoni%20e%20polizia_201101050938064100000_201101050942438600000.aspx 01/01/2011
Sinai, le voci dall’orrore
http://www.avvenire.it/Dossier/eritrei/Pagine/siani%20le%20voce%20orrore_201101011029421800000_201101011106579600000.aspx
. C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
1 mese fa

Benjamin Netanyahu HA DETTO: "CHE COSA POSSO FARE IO? answer [ prendi i carri armati, ed occupa definitivamente, tutto quel deserto! CONTRARIAMENTE, tu pagherai, con il tuo sangue, per il loro sangue!!"] Eritrei, l'appello del Papa. Pagata una parte del riscatto. Ilaria Sesana. 7 dicembre 2010. Domenica all’Angelus, Benedetto XVI ha levato la sua voce a favore dei profughi provenienti dall’Eritrea e dei loro compagni di sventura, ancora prigionieri di spietati trafficanti di uomini (così come ha invocato attenzione per i cristiani e i musulmani iracheni e per i fedeli copti egiziani). L’appello e la preghiera del Papa vengono a rompere con il fragore della parola più autorevole la cortina di silenzio che ha avvolto finora la vicenda dei migranti respinti, arrestati e ricattati. Il Santo Padre, affacciandosi davanti ai fedeli raccolti in piazza San Pietro e parlando a tutti coloro che lo seguivano via radio, tv e Internet, «in questo tempo di Avvento, in cui siamo chiamati ad alimentare la nostra attesa del Signore e ad accoglierlo in mezzo a noi», ha invitato «a pregare per tutte le situazioni di violenza, di intolleranza, di sofferenza che ci sono nel mondo, affinché la venuta di Gesù porti consolazione, riconciliazione e pace». Benedetto XVI ha poi elencato i gruppi che attualmente più sono colpiti. «Penso alle tante situazioni difficili, come i continui attentati che si verificano in Iraq contro cristiani e musulmani, agli scontri in Egitto in cui vi sono stati morti e feriti, alle vittime di trafficanti e di criminali, come il dramma degli ostaggi eritrei e di altre nazionalità, nel deserto del Sinai». «Il rispetto dei diritti di tutti – ha sottolineato il Pontefice – è il presupposto per la civile convivenza. La nostra preghiera al Signore e la nostra solidarietà possano portare speranza a coloro che si trovano nella sofferenza», ha quindi concluso papa Ratzinger. Cinquecento dollari a testa, semplicemente per tenere in vita i propri cari. Tanto hanno dovuto pagare i familiari dei 250 profughi africani prigionieri da settimane nel deserto del Sinai. Domenica mattina, infatti, era scaduto l’ultimatum imposto dai sequestratori ai familiari dei profughi.
Per il momento non ci sono stati nuovi morti ma la situazione è ormai al limite: «Fate presto, siamo allo stremo», è l’appello che i sequestrati fanno arrivare in Italia attraverso don Mussie Zerai, sacerdote eritreo che tiene i contatti con il gruppo dei sequestrati. «Ho avuto modo di sentirli questa mattina (ieri, per chi legge) – spiega Mussie Zerai –. La situazione è delicata: i sequestratori sono innervositi dal tam tam mediatico che si è sollevato attorno alla situazione». Il rischio, ora, è che il gruppo di 250 profughi africani (tra cui 74 eritrei) venga trasferito in un nuovo nascondiglio. «Hanno paura di essere portati in un altro rifugio e che le loro sofferenze continuino ancora», aggiunge Mussie Zerai.
Uomini e donne, alcune delle quali incinte, incatenati e percossi, marchiati a fuoco «come schiavi», raccontano nelle disperate telefonate ai familiari. E sono gli stessi sequestratori a tenere in mano il telefono durante la conversazione e a fare pressione affinché la conversazione si chiuda sempre con lo stesso appello: «Manda i soldi o mi uccidono».
È l’ennesima vessazione, l’ennesima violenza subita da queste persone in fuga dalla Somalia, dal Sudan o dalla dittatura eritrea. Molti di loro erano già giunti a Tripoli per cercare di imbarcarsi e raggiungere così l’Italia, la salvezza. Un sogno durato poche ore: vennero respinti in mare dalle motovedette italiane e consegnati ai poliziotti libici. A questo punto non restava che una possibilità: entrare in Egitto, attraversare il deserto del Sinai e cercare di raggiungere Israele per chiedere asilo. Costo dell’impresa, duemila dollari. Ma, una volta giunti nel deserto, i trafficanti hanno alzato il prezzo e preteso 8mila dollari. Soldi che i mercanti di carne umana vogliono ottenere a ogni costo. Lunedì scorso tre uomini sono stati freddati con un colpo di pistola: un monito agli altri disperati. Il giorno dopo, altre tre persone sono state uccise a bastonate dopo un fallito tentativo di fuga. Giovedì quattro sono stati portati via dai loro carcerieri: «Agli altri hanno detto che sarebbero stati operati per espiantare un rene, visto che non potevano pagare», racconta don Mussie Zerai.
Non è la prima volta che la penisola del Sinai diventa teatro di sequestri da parte dei trafficanti di uomini. «I profughi, proprio perché sono particolarmente vulnerabili, sono facili vittime per queste bande di predoni dedite anche al traffico di droga e armi», spiega Christopher Hein, direttore del Consiglio italiano per i rifugiati. «È però la prima volta che si accendono i riflettori su questi episodi – conclude Hein –. L’attenzione della comunità internazionale è un segnale estremamente positivo. La nostra speranza è che i sequestratori possano fare un passo indietro».
Non resta quindi che confidare nella diplomazia. «L’appello del Papa è stato molto importante per richiamare l’attenzione della comunità internazionale su questo dramma – conclude Mussie Zerai –. Speriamo che venga accolto e che i governi si muovano per sollecitare il governo egiziano a intervenire per salvare queste persone». [ drammatico appello dei cristiani, AL BOIA SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita.] Orrore Sinai, i rapiti uccisi per gli organi. Tratta di uomini e di organi.  SENZA PATRIA NÉ DIRITTI. Eritrei: Traffico di esseri umani. Business da 32 miliardi»  C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
 ·
Lorenzojhwh Unius REI
7 mesi fa

390/ROMA, 15DIC] [tutti i nazisti #Onu, #Lega #ARaba, sharia imperialismo] #Miliziani #jihadisti di #Al #Nusra e salafiti hanno occupato stanotte, il villaggio cristiano siriano di #Kanaye imponendo alla popolazione di obbedire, alla #sharia e alle donne di indossare il velo islamico, pena l'immediata fucilazione. Un abitante ha dato l'allarme tramite l'arcivescovo emerito di #Aleppo, monsignor #Giuseppe #Nazzaro. "Temiamo - ha detto il presule - che la popolazione sia costretta a fuggire in massa o a convertirsi all'Islam se non vuol essere massacrata". #BEIRUT, 2 DICembre, #Miliziani #jihadisti anti regime sono entrati nel convento di #Santa #Tecla, nel villaggio #cristiano di #Maalula, a 60 km a nord di Damasco. Lo sostiene l'agenzia di Stato Sana, secondo cui "fonti locali hanno detto che i terroristi hanno fatto irruzione nel convento e hanno preso in ostaggio la madre #superiora, #Pelagia #Sayyaf, e altre suore".
Rispondi
 ·
Lorenzojhwh Unius REI
7 mesi fa

[386/14dic] #Benjamin Netanyahu, or kill #FMi, #Spa, #Fed, ( #parassiti #farisei, sui popoli, per sollevare #satanismo,) or Kill #Israel, Osea 10.1. Rigogliosa vite era #Israele, che, dava frutto abbondante; ma, più abbondante, era il suo frutto, più moltiplicava gli #altari; più ricca era la terra, più belle faceva, le sue #stele. 2. Il loro cuore è falso; orbene, sconteranno la pena! Egli stesso demolirà i loro #altari, distruggerà le loro #stele. 3. Allora diranno: «Non abbiamo più re, perché, non temiamo il Signore. Ma, anche il re, che, potrebbe fare per noi?». 4. Dicono parole vane, giurano il falso, concludono alleanze: la giustizia fiorisce come cicuta, nei solchi dei campi. 5. Gli abitanti di Samaria trepidano (lussuriosi), per il vitello, di #Bet-Avèn, ne, fa lutto il suo popolo, e i suoi sacerdoti, ne fanno lamento, perché, la sua gloria, sta per andarsene. 6. Sarà portato anch'esso, in #Assiria, come offerta, al gran re. #Efraim ne avrà vergogna, #Israele arrossirà del suo consiglio. 7. Perirà il re di #Samaria, come, un fuscello sull'acqua. 8. Le alture dell'iniquità, peccato di #Israele, saranno distrutte, spine e rovi cresceranno sui loro altari; diranno ai monti: «Copriteci» e ai colli: «Cadete su di noi». 9. Fin, dai giorni di #Gàbaa, tu hai peccato, #Israele. Là si fermarono, e la battaglia non li raggiungerà, forse in #Gàbaa, contro, i figli dell'iniquità? 10. Io verrò a colpirli: si raduneranno i popoli, contro, di loro, perché, sono attaccati alla loro duplice colpa. 11. #Efraim è una giovenca addestrata, cui piace #trebbiare il grano. Ma, io farò pesare il giogo. sul suo bel collo; attaccherò #Efraim all'aratro, e #Giacobbe all'erpice. 12. Seminate per voi secondo giustizia, e mieterete, secondo bontà; #dissodatevi, un campo nuovo, perché è tempo di cercare il Signore, finché, egli venga, e diffonda su di voi la giustizia. 13. Avete arato #empietà, e mietuto #ingiustizia, avete mangiato, il frutto della #menzogna. Poiché, hai riposto fiducia nei tuoi carri, e nella moltitudine, dei tuoi guerrieri, 14. un rumore di guerra, si alzerà, contro, le tue città, e tutte le tue fortezze saranno distrutte. Come #Salmàn devastò, #Bet-Arbèl, nel giorno della battaglia, in cui la madre, fu sfracellata sui figli, 15. così sarà fatto a te, gente, di, #Israele, per l'enormità della tua #malizia. All'alba sarà la fine del re d'Israele. [la Parola di Dio, ha il potere di attraversare tutte le epoche storiche, e di interagire, con ogni uomo, politicamente] lol. [la Parola di Dio resta, in eterno, mentre, i pezzi di merda, che hanno il potere sul mondo, passano, periscono, si distruggono negli abissi tenebrosi della disperazione, loro sono molti, eppure loro hanno dato: "il loro nome alla terra!" mentre, ai santi di Dio, compete una gloria eterna! ]
Rispondi
 ·
Lorenzojhwh Unius REI
7 mesi fa

471/18dic] 666cazzogoogle+ con un canale, non riesco a leggere, i commenti, che, io ho scritto con un altro canale, eppure è lo stesso unico account gmail!
Rispondi
 ·
Oppo Thumbs
7 mesi fa

Sure Israel has been overaggressive, even sometimes terrorist, but it's due to the fact the Hamas and Hezbollah charters and all Arab leaders call for the destruction of Israel and Israel is sick and tired of terrorism and no they can't share land. A stranger's life is always in danger in Muslim countries - gays would be killed, Americans arrested. If Muslims threw away weapons there would be peace; if Israel did so there would be no Israel. A tiny country with no oil it's obvious that anti-antisemitism is in the heart of most Muslims.  
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
4 mesi fa

YES. ok, SHARIA imperialism, DARK DHIMMI SLAVES DIE, UNDER EGIDA ONU 666 BILDENBERG, 322 AMNESTY SHIT
Rispondi
 ·
666GiudaicoMassonica
7 mesi fa

[ 718/27dic.18,00 ] con ShalomGerusalemme, io sono giunto al [ 713/27dic.13,26 ] ma, l'impiegato gi google+ su
https://www.youtube.com/user/googleplusupdates/discussion  lui ha ritenuto, che, andava visualizzato, soltanto, il mio articolo numero [704/27dic.7, 47]
Rispondi
 ·
666GiudaicoMassonica
7 mesi fa

[ 722/27dic. ] [amore e fratellanza tra tutti i figli di Dio, natale è per tutti gli uomini di buona volontà, ma, gli assassini salafiti, farisei Illuminati, #Spa, #Fmi, hanno detto di no! ] 27/12/2013 #SRI #LANKA, #Sri #Lanka: portare il Natale tra i bambini indù, ancora vittime della guerra civile, Il #Center for #Society and #Religion ( #Csr) ha organizzato un evento per alcuni profughi di guerra tamil, per "insegnare a grandi e piccoli come lavorare e vivere insieme, senza barriere e divisioni". I bambini hanno inscenato canti e balli tradizionali, con l'aiuto delle suore della Sacra Famiglia.27/12/2013 #NEPAL, Nepal, #Natale "collettivo" per #cristiani, #indù e #buddisti. La notte del 25 dicembre, centinaia di persone di ogni religione hanno partecipato alla messa della cattedrale dell'Assunzione. Rispetto al passato, quest'anno anche, #indù e #buddisti hanno vissuto l'aspetto spirituale delle celebrazioni. La mancanza di discriminazione tipica del cristianesimo attira le altre comunità. 27/12/2013 #MYANMAR, #Arcivescovo di #Yangon: l’invito del Papa alla “fraternità”, unica via per la pace in Myanmar. Nel messaggio di inizio anno, Giornata mondiale per la pace, mons. #Bo invita all’unità “fra le diverse anime” di “questa meravigliosa nazione”. Il prelato auspica la cittadinanza, per quanti nascono sul territorio nazionale e la fine delle violenze contro i #Rohingya. E invita a lottare contro la povertà, e il traffico di vite umane. 27/12/2013 #BANGLADESH, #Bangladesh: Natale sereno per i cristiani, ma all'ombra del 'terrorismo'. di #Nozrul Islam. Nessun attacco contro la minoranza durante le feste. Le autorità hanno sospeso il blocco della circolazione e la polizia ha sorvegliato tutte le chiese per garantire la sicurezza. In vista delle elezioni, si temono nuovi disordini: il governo ha dispiegato decine di migliaia di soldati. Per la popolazione "mai tanta tensione in 40 anni dall'indipendenza".
Rispondi
 ·
Rothschild hell
5 mesi fa

Benjamin Netanyahu, due sono i motivi, che, rendono inevitabile, la guerra mondiale nucleare: 1. Signoraggio Bancario che, Rothschild, ha rubato; 2. Sharia! ed, io ho già visto, tutto questo, con gli occhi della intelligenza, o Metafisica.. i vivi invidieranno i morti, beati coloro che muoiono subito!
Rispondi
 ·
666GiudaicoMassonica
7 mesi fa

[693/26dic.] #Turchi #islamici, contrari alle #celebrazioni del #Natale, [] Auguri #Erdogan, questi sono gli alunni che tu hai mandato a studiare in #Arabia #Saudita dai nazisti! non ti basta, avere sterminato, tutti gli #Armeni e tutti i cristiani in #Turchia? Questi islamici non li hai trattati a lacrimogeni
Rispondi
 ·
666GiudaicoMassonica
7 mesi fa

27/12/2013 [ 725/27dic. ]  tutto l'abisso criminale, che, #erdogan ha scavato, tra la turchia e la #LEga #Araba, contro, #Europa! ] il #Golpe di #Erdogan, e la definitiva distruzione della #laicità #Turca, ovviamente, la corruzione, intimidazione, minaccino, il tessuto sociale dello Stato, #TURCHIA, #Pubblico ministero accusa il governo turco di bloccare la sua inchiesta sulla corruzione. In una dichiarazione scritta, #Muammer #Akkas afferma che la polizia si è rifiutata di eseguire ordinanze del tribunale per cercare e arrestare sospetti di corruzione e frode e che la magistratura è sotto pressione. Secondo la stampa, Akkas stava indagando su casi di corruzione che coinvolgerebbero il #figlio di #Erdogan e aveva ordinato l'arresto di 30 nomi di primo piano del partito del premier, #Akp. #Istanbul (AsiaNews/Agenzie) - La pubblica denuncia di un pubblico ministero, di essere stato rimosso dall'inchiesta che stava conducendo sulla corruzione all'interno di "circoli governativi", è l'ultima accusa, in ordine di tempo, che viene lanciata contro il governo del primo ministro #turco #Recep #Tayyip #Erdogan. In un comunicato diffuso oggi dalla stampa turca, #Muammer #Akkas (nella foto) afferma che la sua inchiesta è stata bloccata dalle forze di polizia turche e dal procuratore capo, di #Istanbul, Turan Colakkadi. Quest'ultimo ha rimosso Akkas accusandolo di non averlo informato delle sue mosse, affermazione che il #Turkey's #Supreme #Board of #Judges and #Prosecutors ha definito incostituzionale. Da parte sua #Akkas sostiene che la polizia si è rifiutata di eseguire ordinanze del tribunale per cercare e arrestare sospetti di corruzione e frode e che la magistratura è sotto pressione. La denuncia di Akkas fa seguito alla mossa di Erdogan che ha sostituito 10 ministri, dopo le dimissioni di tre di loro, seguite all'arresto di oltre 50 persone, tra le quali tre figli di ministri. Agli arresti è seguito, e si è parlato di rappresaglia da parte del premier, l'allontanamento di circa 500 funzionari e dirigenti di polizia, compreso il capo della polizia di Istanbul da dove è partita l'inchiesta. Secondo la stampa, Ekkas stava indagando su casi di corruzione che coinvolgerebbero il figlio di Erdogan e aveva ordinato l'arresto di 30 nomi di primo piano del partito del premier, l'Akp. Come già in occasione delle proteste a Gezi Parki dell'estate scorsa, Erdogan nel tentativo di resistere alle crescenti pressioni dell'opposizione e della piazza  perché si dimetta accusa un non precisato " #complotto #internazionale". La " #tangentopoli turca" cade in un momento particolarmente delicato per #Erdogan e il suo partito. L'anno prossimo, infatti, sono in programma le elezioni amministrative e quelle presidenziali e l'attuale premier vorrebbe diventare capo dello Stato. Un'aspirazione che potrebbe essere all'origine di quella che sta diventando una guerra intestina al movimento politico islamico turco. Al "moderato" #Erdogan si contrappone il suo ex alleato Fethullah Gulen, in esilio volontario negli #Stati #Uniti. #Gulen, considerato molto meno "moderato" di #Erdogan, potrebbe contare sul sostegno dell'attuale presidente della Repubblica #Abdullah #Gul, che non è rimasto coinvolto dagli scandali e sarà molto probabilmente lo sfidante di Erdogan nella corsa alla prima carica dello Stato.
Rispondi
 ·
jewishmiracle.podbean.com
3 mesi fa

Moshiach - the AntiChrist - the Dejjal is going to build the Temple and bring peace http://youtu.be/8jHTuSLieUI
http://jewishmiracle.podbean.com
If you are interested please share with your community because we are getting there, my friends...
Rispondi
 ·
26NOV2016
5 mesi fa

REVELATION, THE END OF THE UNITED STATES
Rispondi
 ·
Rothschild hell
5 mesi fa

Benjamin Netanyahu, [ circa, la terza guerra mondiale nucleare? ] dopo 6 anni di: massacri, atrocità, senza, neanche, la consolazione dei riflettori, che i media, possono offrire, oggi, in Siria, saranno stati accontentati, nel loro desiderio di voler morire, 6miliardi di persone, circa! ma, circa 100milioni, di persone, moriranno per la paura! e poi, cosa ci sarà da mangiare o da bere? tutto sarà inquinato, quindi, anche i cadaveri, non potranno essere mangiati!
Rispondi
 ·
666GiudaicoMassonica
7 mesi fa

[ 719/27dic.18,00 ] con ShalomGerusalemme, io sono giunto al [ 713/27dic.13,26 ] ma, l'impiegato gi google+ sul canale privato di:
http://www.youtube.com/user/IsraelNationalTV/discussion
lui ha ritenuto, che, andava visualizzato, soltanto, il mio articolo numero [704/27dic.7, 47]
così, proprio, come ha deciso di fare su:
https://www.youtube.com/user/googleplusupdates/discussion
Rispondi
 ·
Visualizza tutte le risposte (3)
666GiudaicoMassonica
7 mesi fa

[ 726/27dic. ]  ogni violenza, è sempre, una violenza inamissibile! Dobbiamo impare a rispettare, le opinioni della gente, e del popolo sovrano! ] Ucraina: #giornalista #picchiata,3 arresti, I presunti colpevoli rischiano da 7 a 10 anni di reclusione. 27 dicembre, #KIEV, Sono tre finora le persone arrestate dalla polizia ucraina, con l'accusa di aver aggredito #Tetiana #Chornovil, la giornalista della testata online ' #Ukrainska Pravda', vicina all'opposizione, picchiata ferocemente, nella notte, tra, il 24 e il 25 dicembre. Si conosce il nome di uno solo dei tre: #Serghi #Kotenko, 29 anni, proprietario, della #Porsche #Cayenne nera che ha fermato la reporter prima dell'attacco, da parte di almeno due uomini. I presunti, colpevoli rischiano, da 7 a 10 anni di reclusione.
Rispondi
 ·
Lorenzojhwh Unius REI
7 mesi fa

[737/28dic.9,47] in questa situazione di #farisei #bildenberg, #Fmi, #Nwo, che, hanno rubato, la sovranità monetaria, e di conseguenza hanno tradito la sovranità politica, in tutte le false democrazie massoniche, del signoraggio bancario, ogni cosa, potenzialmete buona, si può trasformare, in potenzialmente cattiva. #Trattato di #Velsen del 18 ottobre 2007. #TRATTATO, Tra il Regno di #Spagna, la #Repubblica #Francese, la #Repubblica #Italiana, il #Regno dei #Paesi #Bassi e la #Repubblica #Portoghese, per l'istituzione della Forza di Gendarmeria #Europea. #EUROGENDFOR [ ecco perché, oggi, noi siamo costretti ad opporci, ad ogni movimento di sottrazione, di #sovranità #monetaria, e di sovranità politica, è indispensabile ritornare alla auto determinazione nazionale e porre fine a questa Europa, di Anticristi, di #Governatori della #Fmi, #Bce, #Spa, di tecnici burocrati usurai ed assassini ]
Rispondi
 ·
666GiudaicoMassonica
7 mesi fa

[695/26dic.] Lo straziante addio tra Mike e il cane Rusty [ ma, è più straziante cadere all'inferno, dopo una lunga vita, vissuta odiando la legge naturale, che è, il Decalogo di #Mosé ] 26 dicembre, 16:48 Mike Petrosino, malato terminale di cancro, saluta per l'ultima volta Rusty. Alcune storie ci colpiscono e ci restano stampate nel cuore con il loro carico di insostenibile dolore ed enorme tenerezza: una di queste è quella di #Mike e #Rusty. #Mike #Petrosino è un giovane americano di 21 anni che sta morendo di un cancro (diagnosticatogli quando era alle medie) al #Massachusetts #General #Hospital. Rusty è il cane che gli è stato regalato da bambino e gli è stato accanto in tutti questi anni. I medici hanno permesso che il giovane per cui non c'è più nulla da fare potesse dire addio al suo amico di sempre.
Rispondi
 ·
666GiudaicoMassonica
7 mesi fa

[ 728/27dic. ] " #Shalabayeva in Italia grazie a governo " Ministro Bonino riceve moglie #oppositore #kazako e figli. 27 dicembre, 15:25 [ok] #Governo #italiano ha rimediato alla brutta figura! ora, deve fare rientrare, anche, il #sigoraggio #bancario che, i #farisei #bildenberg #JabullOn, #Baal #sinagoga, #fmi, hanno rubato!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
1 mese fa

[ drammatico appello ai BOIA: SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, Abd al-Fattah Khalil al-Sisi, Abd Allah II di Giordania, IN RELAZIONE A CHE COSA, VOI PENSATE DI TROVARE MISERICORDIA? ] In catene nel deserto, l’odissea libica dei 255 eritrei. Paolo Lambruschi. 25 novembre 2010. Prigionieri nel Sinai, in catene come schiavi, ostaggio dei trafficanti egiziani. Così è finita una parte consistente, ben 80 dei 255 eritrei che nel luglio scorso avevano rischiato di morire nella famigerata prigione libica di Al Braq, in pieno Sahara, dopo essere stati respinti in mare dall’Italia e poi liberati grazie alla pressione delle organizzazioni umanitarie sul nostro governo. Un mese fa alcuni di loro sono fuggiti dalle sabbie libiche alla volta di Israele, su una delle nuove rotte della disperazione verso l’Europa, che ora incrociano il Medio Oriente e la Turchia, a rischiare di morire in un altro deserto. L’allarme è stato lanciato ieri, esattamente come l’estate scorsa, dal blog dell’agenzia di cooperazione allo sviluppo Habeshia. Secondo la quale ci sono 600 persone in condizioni disperate da oltre un mese nel deserto al confine tra Egitto e Israele, prigioniere del racket. Oltre agli 80 eritrei fuggiti da Tripoli, somali e sudanesi. Tra questi, vi sono anche donne, segnala il blog curato da Roma dal sacerdote cattolico eritreo Mosè Zerai. Ciascuno ha versato al racket 2.000 dollari. Ma i trafficanti ne pretendono altri 8.000. «Gli eritrei – racconta don Mosè – mi hanno raccontato di aver lasciato Tripoli per raggiungere Israele dall’Egitto. Ma nel corso del viaggio i trafficanti hanno tradito gli accordi e il prezzo è aumentato. Così li hanno sequestrati». Sulla loro drammatica condizione sappiamo solo quanto hanno raccontato al prete. «Dicono di trovarsi nel Sinai, segregati dai beduini nelle case nel deserto, ma non sanno dire dove perché sono stati incappucciati durante gli spostamenti. Da un mese sono legati con le catene ai piedi, come si faceva nel commercio degli schiavi, continuamente minacciati e da 20 giorni non toccano acqua per lavarsi. Vi sono anche donne debilitate dalla mancanza di cibo e dalla scarsa igiene».
Non sono i primi a subire questa sorte. Questa forma di sequestro che sfrutta la disperazione dei profughi è redditizia. Già un anno fa l’agenzia Fortress Europe segnalava questa nuova rotta che parte dal Cairo verso la frontiera israeliana nel Sinai e dalla quale passano mille persone al mese, quasi tutti eritrei ed etiopi. Nei casi peggiori i passeggeri dopo aver pagato sono abbandonati lungo il confine.
«Purtroppo – aggiunge don Mosè – questa situazione è anche frutto della chiusura delle frontiere dell’Europa. i richiedenti asilo provenienti dal Corno D’Africa non hanno alternative e si affidano ai sensali di carne umana». Ieri il senatore Pietro Marcenaro, presidente della Commissione straordinaria per i Diritti Umani, ha presentato un’interrogazione urgente al ministro degli Esteri in cui si chiede di verificare la situazione degli 80 eritrei trattenuti in Egitto e di muovere tutti i passi necessari nei confronti del governo del Cairo per salvarli. Ma torniamo in Libia, dove a luglio esplodeva il caso di 205 uomini e 50 donne fuggiti dall’Eritrea. Nel 2009 e nel 2010 avevano tentato di passare per l’antica rotta del Mediterraneo ed erano stati respinti in mare e poi arrestati. Ai primi di giugno, ad esempio, una ventina di eritrei venne intercettata e respinta su un barcone diretto in Italia in circostanze mai chiarite. Videro un’imbarcazione con bandiera italiana e si avvicinarono, ma a bordo c’erano militari libici che li riportarono indietro. Il ritorno fu drammatico. «Una persona è annegata in mare, altri tre che conoscevano l’arabo sono stati malmenati perché si sono ribellati. Da quasi sei mesi nessuno ha più notizie di loro. Una donna e il suo bambino di otto mesi sono stati incarcerati al buio per ore senza ricevere cibo né acqua.». A fine giugno, dopo una rivolta nel centro di detenzione libico di Misurata, i maschi vennero trasferiti nel durissimo carcere di Al Braq, a Sebha, a sud, nel deserto. Le donne rimasero a Misurata e furono sottoposte a violenze e atti degradanti. Ma ai primi di luglio qualcuno riuscì ad avvisare don Zerai, che rilanciò la notizia su Habeshia. Allora i 255 vennero rilasciati approfittando della nuova legge varata da Tripoli contro l’immigrazione clandestina che prevedeva una sanatoria, con un permesso provvisorio di tre mesi e il divieto di lasciare la città. Ora, però, i permessi sono scaduti e siamo da capo. «Chi non è fuggito è intrappolato nelle città libiche – chiarisce il sacerdote – senza diritti. In tutto in Libia vi sono un migliaio di eritrei, tutti a luglio hanno beneficiato della sanatoria. Chi ha potuto si è spostato verso Tripoli o Bengasi e lavora in nero. Per rinnovare il permesso devono, però, presentarsi con il passaporto eritreo e un contratto di lavoro. Altrimenti devono rivolgersi alle autorità diplomatiche del loro Paese. Naturalmente non possono farlo in quanto rifugiati». Chi va in ambasciata rischia infatti la deportazione o vendette contro i congiunti rimasti nel Corno d’Africa. Ma, se non rinnovano il permesso, si spalancano le porte delle carceri. «Ho appena ricevuto – racconta il prete – chiamate che riferiscono di retate della polizia casa per casa. E tornare in quelle prigioni è terribile: vivono ammassati e senza potersi lavare, sono maltrattati. Molte donne sono state violentate e messe incinta dalle guardie carcerarie». Chi può fugge allora dall’inferno, come gli 80 ora però imprigionati nel Sinai. Stando alla convenzione sui diritti umani queste persone non sono criminali, ma avrebbero diritto a chiedere asilo e ad essere protette dai governi della civilissima Europa. Libia, orrore nel Sinai: uccisi altri tre eritrei. Paolo Lambruschi. 1 dicembre 2010. Sei morti ammazzati in 48 ore. Cadono come mosche, al ritmo di tre vite umane al giorno, gli 80 eritrei fuggiti dalla Libia nel tentativo di raggiungere l’Europa attraverso Israele e caduti da oltre un mese nelle mani di una banda di spietati trafficanti di esseri umani nel Sinai. L’allarme è stato rilanciato sul blog dell’agenzia di cooperazione Habeshia dal sacerdote eritreo cattolico della diocesi dell’Asmara Mosè Zerai, che vive a Roma e che dalla capitale, dallo scorso 24 novembre, è in contatto telefonico con questi sventurati in trappola. Ai quali i carcerieri lasciano usare il cellulare per implorare il pagamento del riscatto di 8mila dollari. Al confine tra Egitto e Israele, si sta consumando l’ennesima tragedia dell’immigrazione nell’indifferenza dei governi e nel silenzio dei media. Ieri altri tre eritrei sono stati massacrati a bastonate dai banditi, che tengono in ostaggio i profughi in una località indefinibile. Si tratta di persone che, una volta giunte sul suolo europeo, avrebbero diritto di chiedere asilo. Nel deserto la loro vita vale  poche migliaia di dollari. L’odissea è iniziata più di un mese fa, quando i passatori avevano promesso di trasportare i fuggitivi oltre la frontiera con lo stato ebraico in cambio del pagamento di duemila dollari. Ma li hanno ingannati, fermando il camion dei profughi in mezzo al deserto e chiedendo 8mila dollari a testa per lasciare gli ostaggi in vita. Da lunedì è cominciata la mattanza. L’altro ieri tre persone erano state torturate e uccise a sangue freddo con la pistola perché non era stato pagato il riscatto, ieri un tentativo disperato di fuga di una dozzina di profughi è stato fermato e represso con violenza bestiale lasciando sul terreno altri tre cadaveri. Dalle informazioni in possesso del prete eritreo risulta che gli ostaggi sono quasi tutti sotto i trent’anni. Nel gruppo vi sono anche alcune donne. Sono tenuti prigionieri in condizioni inumane, in catene, maltrattati, con vitto scarso e senza potersi lavare. In tutto nell’area vi sarebbero 600 ostaggi provenienti da Corno d’Africa e Sudan. «Ho parlato con alcuni ostaggi eritrei ieri mattina – racconta don Zerai – mi hanno detto che i rapitori sono armati fino ai denti e determinati. Stanno perdendo le speranze di restare vivi, non c’è più tempo. Dove sono? Non riescono a identificare la località, sono stati incappucciati durante il trasbordo. Mi hanno riferito di vedere dalla prigionia una scuola e una moschea. Può agire solo il governo egiziano. Ma serve un intervento urgente dei governi europei sul Cairo per salvare i 74 superstiti o moriranno nell’indifferenza delle istituzioni nazionali e internazionali». Non si escludono connivenze dell’organizzazione di trafficanti con la polizia. Lunedì don Zerai è stato ascoltato a Bruxelles in un’audizione al Parlamento europeo senza, però, ottenere molto. Ma qualcosa si muove. L’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati ha segnalato il caso alle autorità egiziane. Ieri le senatrici del Partito Democratico Emanuela Baio e Mariapia Garavaglia, componenti della commissione diritti umani di palazzo Madama, hanno lanciato un appello: «Salviamo la vita degli eritrei che muoiono nel deserto del Sinai, una parte di loro risulta essere stata respinta dalla Libia» . «Risulta che, al confine tra Egitto ed Israele, – si legge in una nota delle due senatrici – nel deserto del Sinai, luogo simbolo per la cristianità, dove sono state consegnate a Mosè le tavole dei 10 Comandamenti, si consumino ogni giorno efferati delitti impuniti. E sembra che queste violenze lascino diversi Stati e il nostro governo completamente disinteressati». Le parlamentari hanno firmato l’interrogazione   presentata la scorsa settimana dal Presidente della commissione Diritti umani del Senato Pietro Marcenaro e hanno chiesto al ministro degli Esteri Frattini di riferire in Senato. «Chiediamo di sapere cosa stia facendo il Governo italiano verso quello egiziano per liberare i profughi e cosa stia facendo verso la grande Repubblica Araba di Libia, popolare e socialista  per difendere il diritto alla protezione umanitaria. Un paese con il quale abbiamo siglato poco tempo fa un accordo costato non poco alle casse dello Stato».
. C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
1 mese fa

[ drammatico appello ai BOIA: SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, Abd al-Fattah Khalil al-Sisi, Abd Allah II di Giordania, IN RELAZIONE A CHE COSA, VOI PENSATE DI TROVARE MISERICORDIA? ] Sinai, le voci dall’orrore. Paolo Lambruschi. 1 gennaio 2011. voce dall’inferno del Sinai arriva flebile, ma chiara. Don Mosè Zerai, il sacerdote eritreo che dal 23 novembre scorso ha denunciato il sequestro di un gruppo di 80 eritrei provenienti dalla Libia e diretto in Israele, ha appena chiamato gli ostaggi cui i rapitori, i beduini Rashaida, hanno lasciato il cellulare per sollecitare il pagamento del riscatto di ottomila dollari. L’orrore e la crudeltà si mescolano a due buone notizie. Altre 15 persone riscattate verranno liberate oggi. E i primi quattro ostaggi rilasciati due settimane fa sono stati rintracciati in Israele dall’ong nordamericana Phr in un centro di detenzione. Mentre la conversazione tra il prete e un giovane ostaggio si svolge in tigrino, registrata da Tv2000 e da RadioInBlu, sullo sfondo si sentono rumori di bastonate e lamenti. Donne e uomini sono trattati da mesi come bestie dai moderni mercanti di schiavi. Otto sono stati uccisi solo in questo gruppo la cui sorte è stata intercettata. Torture e abusi sono pratica quotidiana e non solo per sollecitare il pagamento del riscatto. I predoni si accaniscono contro gli eritrei per vendicare un tentativo di ribellione sedato nel sangue e costato la vita a un carceriere. E per l’antico odio dei nomadi islamici dell’Africa del nordest verso i tigrini, stanziali e cristiani. «All’altro capo – spiega don Mosè, visibilmente provato quando si conclude la concitata conversazione – c’era un ragazzo. Li stavano picchiando mentre parlavamo, mi implorava di sbrigarsi a pagare il riscatto. Sanno che altrimenti vanno incontro alla morte». Il resoconto dell’ostaggio conferma la presenza nel lager di tre donne incinte, una vicina al parto. «Anche per questo – aggiunge il prete – continuano a ripetermi di fare presto. Rischia di più chi non ha parenti che inviano soldi. Vengono picchiati per obbligarli a trovare il denaro o accettare l’espianto dei reni come forma di pagamento. Temo li vendano ad altri gruppi». La conversazione riprende. Al cellulare altre persone raccontano, con il terribile sottofondo delle bastonate, di essere rinchiusi dentro un container, mani e piedi incatenati. Stanno vegliando pietosamente un compagno malridotto, da giorni in lotta per sopravvivere. «Sono rimasti in 60 circa – traduce don Zerai – i sequestratori hanno separato chi può pagare da chi non ha i mezzi. Oggi liberano altre 15 persone i cui parenti hanno versato la somma richiesta».
Ma l’odissea non termina con la scarcerazione. Scortati da aguzzini ben armati, in marcia scalzi e malconci verso il confine, i profughi rischiano di venire arrestati dalla polizia egiziana, la quale prima di Natale ha catturato 27 ostaggi – in maggioranza eritrei, poi etiopi e sudanesi – e li ha riconsegnati alle ambasciate dei paesi di provenienza. La consegna alle sedi diplomatiche– palese violazione della convenzione Onu sui rifugiati ratificata dal Cairo nel 1981 – suona come una condanna a morte per chi, in fuga dalle persecuzioni, è migrato illegalmente. Nonostante l’imbarazzante silenzio sulla vicenda, il governo egiziano almeno un passo avanti l’ha compiuto vietando alle guardie di frontiera di sparare sui profughi diretti al confine. In Israele, intanto, l’ong di medici Phr ha trovato in due centri per migranti quattro ostaggi del gruppo proveniente dalla Libia, scarcerati due settimane fa. Uno di loro, Haile, è stato nelle mani dei Rashaida del Sinai del Nord 60 giorni. Aveva pagato ai beduini libici 2000 dollari, ma l’hanno venduto.
«Eravamo in cinque – è la sua testimonianza –  i predoni ci hanno chiesto 5000 dollari. Ho pagato, sono stato l’unico. Non so dove si trovi la mia prigione né che fine hanno fatto le 40 persone rinchiuse con me nel container».
Don Zerai lancia l’ultimo appello del 2010 all’Unione europea, all’Italia e ai paesi della regione del Sinai per salvare i profughi eritrei in ostaggio e stroncare il traffico. «La comunità internazionale deve prendere in mano la situazione. Si faccia fronte comune tra Egitto, Israele e Autorità palestinesi, non è possibile che continuino questi traffici. L’Ue dichiari al Cairo che può accogliere gli ostaggi, ha già dato segnali di disponibilità. Chi può, intervenga subito». Eritrei, «I predoni stanno separando gli ostaggi» Paolo Lambruschi. 30 dicembre 2010. Nei container sepolti sottoterra nel Sinai è iniziata la separazione tra chi è in grado di pagare il riscatto e chi non potrà farlo. Un preludio di nuovi orrori. Le ultime, drammatiche cronache dall’inferno del Sinai procurano angoscia. Le riferisce don Mosè Zerai, che dal 23 novembre scorso è in contatto telefonico con gli eritrei caduti nelle mani dei rapitori. «Ieri gli ostaggi – afferma il sacerdote eritreo, presidente dell’agenzia di cooperazione allo sviluppo Habeshia –  mi hanno riferito che per la prima volta sono stati separati, Il gruppo di donne, anche le tre in stato di gravidanza, che non possono pagare gli ottomila dollari richiesti dai banditi è stato spostato ieri mattina. Il loro timore è che ora vengano vendute ad un altro gruppo di trafficanti. Oppure, nella peggiore delle ipotesi, che siano sottoposte all’espianto degli organi». Forse sono stati gli arresti della polizia egiziana compiuti ai danni degli ostaggi nei giorni scorsi a suggerire ai moderni mercanti di schiavi di accelerare i tempi. Nell’area operano almeno 20 gruppi di predoni collegati tra loro, che hanno rapito negli ultimi tre mesi 300 eritrei, tutti diretti verso il confine israeliano sulla nuova rotta del Sinai presidiata da sempre dai Rashaida, i beduini dell’Africa nordorientale. Almeno 80 eritrei sono fuggiti dalla Libia dopo aver tentato invano di raggiungere via mare le coste italiane, mentre il resto è in fuga dal Corno d’Africa. Stando alle testimonianze telefoniche dei detenuti, confermate dalla ong sanitaria americana Phr che ha documentato le torture subite dai superstiti giunti in Israele in questi mesi, agli eritrei è toccato il trattamento peggiore per rappresaglia. Un gruppo di fuggiaschi tigrini, poi catturato, avrebbe infatti ucciso un carceriere. Le donne sono state ripetutamente abusate, tutti sono stati incatenati, picchiati e sottoposti a torture e violenze disumane, compresa la marchiatura a fuoco. Otto prigionieri sono stati uccisi e ad almeno quattro sembra sia stato prelevato un rene come pagamento del riscatto. Il cibo è scarso, una pagnotta ogni tre giorni e acqua salata. Solo chi ha già pagato rate della somma richiesta, con modalità ormai codificate – via Western union a emissari segnalati dalle bande – è trattato meglio. Stando alle dichiarazioni delle forze di sicurezza egiziane, che l’altro ieri hanno per la prima volta ammesso la presenza degli ostaggi, sarebbero detenuti nel deserto anche altri 900 africani – etiopi, somali e sudanesi – che avrebbero pagato la somma richiesta per la liberazione e starebbero per varcare il confine con Israele. La telefonata effettuata ieri dal prete ha aggiunto un tassello alle notizie sugli arresti della polizia egiziana di 27 ostaggi liberati. Tra questi non vi sarebbero i 20 eritrei provenienti dalla Libia rilasciati prima di Natale. Ieri alcuni hanno infatti telefonato agli ormai ex compagni di sventura confermando l’arrivo sul suolo ebraico. Hanno detto di aver fornito le proprie generalità alle autorità israeliane e di trovarsi in un centro di detenzione. Si attendono riscontri. Don Zerai intanto è tornato chiedere l’intervento dei governi della regione, «ormai terra di nessuno dove regna l’anarchia dei trafficanti di esseri umani. Non si comprende il silenzio delle autorità egiziane, israeliane e palestinesi. Si sta consumando un dramma alle porte delle loro nazioni e nessuno di loro prende a cuore questa emergenza umanitaria». Il prete si domanda amaro che fine hanno fatto gli accordi internazionali per la lotta contro la tratta di esseri umani e il traffico d’organi. «Perché si sta perdendo del tempo? Spero che non sia una scelta politica di questi paesi che usano questa situazione drammatica come deterrente contro l’immigrazione. Molti di questi migranti sono profughi di guerra, perseguitati, gente che fugge dalla morte lenta causata da calamita naturali. Le persone disperate tentano il tutto per tutto, anche affrontando la morte, ma i paesi ricchi e "civili" non possono preoccuparsi solo di sigillare i propri confini». C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
1 mese fa

[ drammatico appello ai BOIA: SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, Abd al-Fattah Khalil al-Sisi, Abd Allah II di Giordania, IN RELAZIONE A CHE COSA, VOI PENSATE DI TROVARE MISERICORDIA? ] Egitto ammette:
sono 300 gli ostaggi eritrei. Paolo Lambruschi. 29 dicembre 2010. Dopo 35 giorni crolla il muro di gom­ma eretto dalle autorità egiziane at­torno al sequestro degli eritrei ed e­mergono nuove, importanti prove sull’in­ferno del Sinai. La stessa polizia egiziana e fonti a Rafah vicine agli stessi trafficanti, i clan beduini Rashaida, hanno confermato all’Ansa e ad altre agenzie occidentali la presenza dei 300 ostaggi. Inoltre gli arresti effettuati nel deserto nei giorni scorsi dal­le autorità egiziane riguardano ostaggi ri­lasciati prima di Natale dai rapitori dopo il pagamento del riscatto. Appurata anche l’e­norme entità del traffico. Ma i banditi re­stano impuniti. Ieri è stato chiarito il numero delle perso­ne catturate dalla polizia. Si tratta di 27 mi­granti africani, fermati nel deserto in due ri­prese. Il primo gruppo, composto da otto eritrei e sette etiopi, è stato arrestato tre giorni fa, mentre il secondo, di sette eritrei, tre sudanesi e due etiopi, è stato fermato lu­nedì alla frontiera con Israele. Confermato che i 300 eritrei sono ancora in mano ai banditi. Circa 80 provengono dalla Libia, dove alcuni erano stati respinti nel Medi­terraneo dalle nostre motovedette. Gli altri arrivano dall’Eritrea attraverso il Sudan.
So­no stati tutti venduti da una banda di traf­ficanti senza scrupoli all’altra, come ab­biamo appreso in questo mese ascoltando le testimonianze di ostaggi rilasciati, dei parenti e della suora comboniana Azezet Kidane, che ha curato i superstiti giunti in Israele. I predoni hanno inoltre imprigio­nato 900 migranti di altre nazionalità – su­danesi, etiopi, somali – i quali hanno pagato le somme richieste e aspettano di poter ten­tare l’ingresso in Israele. In tutto sono coin­volte 1200 persone, è la conferma che nel Sinai è in corso da tempo un giro d’affari cri­minale di svariati milioni di dollari sulla pelle dei disperati del pianeta. Durante la detenzione in baracche e container inter­rati hanno tutti subito torture e violenze, le donne sono state abusate. Un trattamento disumano condito da minacce di morte e di espianto di reni. Per contattare l’esterno e raccontare l’orrore, ai rapiti è stato lasciato il telefono cellulare per accelerare i paga­menti del riscatto via Western Union a e­missari della banda al Cairo e a Gerusa­lemme. Ad eritrei ed etiopi è toccato il trat­tamento peggiore, come confermano le te­stimonianze raccolte ieri, come vendetta per l’uccisione di un carceriere durante un tentativo di fuga di 25 di loro, conclusosi tragicamente con l’assassinio di sei eritrei. Ribadito infine che almeno otto ostaggi sa­rebbero stati uccisi dai trafficanti, una de­cina di uomini bene armati che cambia spesso i luoghi di detenzione. La polizia e­giziana continua comunque a non inter­venire per catturare i mercanti di schiavi, anzi. L’ultima volta che intervenne, ad a­gosto, aprì il fuoco su un gruppo di eritrei imprigionati a Rafah e lasciò impuniti i car­nefici. Stavolta ha ricevuto l’ordine di non sparare e limitarsi ad arrestare i migranti rilasciati per immigrazione clandestina. Al­le vittime il governo del Cairo, delle quali fi­no a ieri ha negato perfino la presenza nel­la zona al confine con Israele, lascia la vita, ma riserva una beffa atroce. I profughi ar­restati vengono consegnati alle rispettive ambasciate dei paesi di provenienza per il rimpatrio immediato, che può voler dire galera e morte. Le forze egiziane sostengono di non poter intervenire nel Sinai riparandosi dietro il Trattato di pace con Israele che impedisce di introdurre armi pesanti e blindati nella zona di frontiera. I Rashaida disporrebbe­ro invece di armi sofisticate, acquistate dai sudanesi come contropartita per il traffico di esseri umani. La notizia degli arresti ha intanto allarmato la diaspora eritrea, nella quale proseguono le collette per pagare i riscatti, che i predoni pretendono vengano rateizzati per non venire identificati. «Lunedì ho sentito mio fratello dal Sinai – di­chiara H., rifugiato eritreo che vive in Sviz­zera – e non mi ha detto nulla. Ho sentito anche altri parenti, noi continuiamo a pa­gare e a sperare». Ieri il sacerdote eritreo Mosè Zerai ha con­tattato gli ostaggi. «Non sanno nulla, mi chiedevano di fare presto a pagare per li­berarli. Chiediamo al governo egiziano di consegnare i profughi nelle mani dell’Acnur e non alle ambasciate che li potrebbero rimpatriare. Ma questo potrà accadere so­lo se l’Europa dimostra fattivamente di es­sere disposta a dare asilo a queste persone. Mi preoccupa la sorte di chi non può pa­gare, un gruppo di almeno 15 persone che comprende sei donne, tre in stato di gravi­danza ». L’odissea nel deserto, insomma, è tutt’altro che finita. Gli egiziani arrestano migranti. alla frontiera. Paura per gli eritrei [Paolo Lambruschi  ] 28 dicembre 2010. Confermata la liberazione del gruppo di 20 ostaggi eritrei rilasciati prima di Natale dai rapitori, i beduini del Sinai. Di loro, però, mancano ancora notizie certe: l’unica cosa assodata è che non son o più nelle mani dei rapitori. Ma su dove siano finiti è ancora mistero. E ora si apre un altro preoccupante scenario. Sedici persone, infatti, sono state fermate dalle guardie di frontiera egiziane. Si tratta, secondo le autorità del Cairo di 16 africani che stavano tendando di entrare in Israele. Di più le forze di sicurezza cairote non dicono. Si tratta del terzo episodio del genere in un mese, mentre il governo continua a negare l’esistenza del traffico di esseri umani e la presenza degli ostaggi nell’area. Secondo l’agenzia Associated press 14 di loro sarebbero sudanesi e solo due, un uomo e una donna, sarebbero, invece di nazionalità eritrea. Il gruppo sarebbe stato portato al confine dai beduini in cambio di denaro. La certezza però manca ancora e ciò, unito al fatto che dei 20 eritrei è stata, per ora, persa ogni traccia, non consente di escludere che per questi sfortunati profughi sia sia aperta una nuova cella: dopo quelle dei beduini quelle delle carceri egiziane. Dalle prigioni nel deserto, intanto, ieri nessuna telefonata. Il giorno di Santo Stefano alcune donne rapite hanno contattato il sacerdote eritreo Mosè Zerai. Secondo la testimonianza il pagamento dei riscatti, tuttora in corso, ha placato la violenza dei trafficanti. In Israele intanto la questione dei rifugiati giunti dal Sinai sta diventando un caso politico. Mentre i principali quotidiani riprendono il rapporto dell’ong di medici Phr, Nobel per la pace 1997, sulle torture subite dalle persone rapite nel deserto, un migliaio di immigrati africani ha manifestato per le strade di Tel Aviv il 24 dicembre scorso contro la recente decisione del governo di Benjamin Netanyahu di istituire centri di detenzione per immigrati giunti Israele attraverso la frontiera con l’Egitto. Sulla questione degli ostaggi è intervenuto in questi giorni anche il gruppo umanitario Everyone che, ricordando le minacce fatte dai mercanti di uomini ai detenuti, ha puntato il dito contro l’Egitto. «Per coloro che non sono in grado di pagare il riscatto – si legge in una nota – si profila una fine orrenda. L’Egitto, nonostante l’impegno delle istituzioni per combattere l’odioso fenomeno, è tuttora il terzo Paese al mondo per traffico di reni umani, con un giro d’affari da capogiro, la copertura della mafia locale e agganci con la criminalità organizzata di altri Paesi. Al Cairo e in altre città esistono da anni cliniche clandestine attrezzate per rifornire questo mercato. Le donne possono finire nel racket della prostituzione, un giro criminoso in cui diventeranno schiave e da cui non esiste via di fuga. Per  bambini e giovanissimi si prospetta la possibilità di cadere nel mercato della pedofilia o del lavoro nero». Fin dagli inizi della vicenda Everyone ha affermato che il traffico di esseri umani è gestito dai clan beduini del deSerto egiziano con la complicità di Hamas. Anche don Zerai ha ribadito l’appello alla liberazione di tutti gli ostaggi nelle mani dei trafficanti: «Non ci stanchiamo di fare appello a tutti, istituzioni, organizzazioni umanitarie, persone di buona volontà a chiedere con forza che Egitto, Israele e l’Autorità Palestinese facciano fronte comune per combattere questo odioso traffico. Chiediamo all’Unione Europea di assumersi le proprie responsabilità». C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
 ·
666GiudaicoMassonica
7 mesi fa

[655/25dic] dal 652 al 654, perché google+, non fa vedere i commenti, a tutti?
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
1 mese fa

[ drammatico appello ai BOIA: SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, Abd al-Fattah Khalil al-Sisi, Abd Allah II di Giordania, IN RELAZIONE A CHE COSA, VOI PENSATE DI TROVARE MISERICORDIA? ] Eritrei, venti ostaggi liberati. Torture a chi non paga. Paolo Lambruschi 24 dicembre 2010. Venti ostaggi sono stati libera­ti mercoledì dall’inferno del Sinai. Ma almeno 15, tra le quali sei donne - tre in stato di gravi­danza - rischiano di restare nelle ma­ni dei predoni e sparire nel nulla. E nelle prossime ore si tenterà di tutto per trovare almeno i danari del ri­scatto delle ragazze. Intanto sulla stampa egiziana appaiono le prime conferme sul terribile traffico di uo­mini in atto nel deserto, notizie smentiscono ancora una volta il go­verno del Cairo. Dunque un mese e­satto dopo la scoperta del mercato di rifugiati africani tra Egitto e Israele, arrivano novità che possono impri­mere una svolta. Le persone rilasciate appartengono al gruppo degli 80 eritrei partiti dalla Li­bia, sequestrati un mese fa da un gruppo di predoni e detenuti in con­dizioni disumane. La notizia è stata data ieri da uno dei prigionieri al fra­tello, un profugo eritreo che vive a Berna, durante la telefonata conces­sa dai sequestratori per chiedere il ri­scatto. «Mi ha detto che è stato completato il pagamento di ottomila dollari per 20 persone– conferma H., il cui fra­tello è nel gruppo partito dalla Libia – che sono state rilasciate. Vengono tutti da Tripoli. Attendiamo la con­ferma del loro arrivo in Israele, ma altri parenti mi hanno detto la stessa cosa».  Il tam tam tra nella diaspora in Eu­ropa ribadisce che i pagamenti sono avvenuti via Western union, con il metodo usuale: indirizzati agli inter­mediari segnalati dalla banda via sms al parente pochi minuti prima di ef­fettuare la transazione. Anche H. è riuscito, a prezzo di gran­di sacrifici, a mettere insieme la som­ma richiesta dai banditi. «Non posseggo più nulla. Mio fratel­lo mi ha annunciato che domani do­vrebbe essere rilasciato. Insieme a lui dovrebbero ritrovare la libertà altri o­staggi, tra i quali una donna incinta, venduti ai Rashaida dall’eritreo Fa­swat Mahari, che aveva organizzato il viaggio dalla Libia al Sinai. So che altri pagamenti verranno saldati in queste ore. È il regalo di Natale più bello della mia vita». Ma cresce l’angoscia per la sorte di chi non ha parenti in grado di paga­re. Ibrahim ad esempio ha un cugi­no nel Sinai, vive a Genova con un re­golare permesso di rifugiato politico ed è disperato. «Ho versato lunedì mille dollari per mio cugino ai banditi al Cairo. I se­questratori gli hanno spezzato le ma­ni a sprangate. Però gli ho detto che non posso fare di più. Ieri mi ha det­to che stanno continuando a tortu­rarlo. Non è possibile che nessuno intervenga». Anche don Mosè Zerai, il sacerdote e­ritreo che per primo ha lanciato l’al­larme trenta giorni fa e che da allora ha tenuto i contatti con gli ostaggi fingendosi un parente, conferma, ma non nasconde l’enorme preoccupa­zione per un epilogo tragico.  «Non sappiamo che fine faranno le persone che non possono pagare. So­no almeno una quindicina, tra le quali sei donne. Tre sono incinta. Farò l’impossibile per cercare di trovare i soldi per salvare almeno loro, hanno subito troppo e rischiano di finire chissà dove, magari vittime del traf­fico d’organi. Anche se il pagamento del riscatto – conclude amaro il pre­te – alimenterà il traffico di schiavi. I governi e l’Onu hanno chiuso gli oc­chi davanti ai mercanti di uomini». Intanto sul «Daily News Egypt», te­stata indipendente distribuita con l’International Herald Tribune, è comparso il 22 dicembre un articolo che ammette per la prima volta la presenza dei «rifugiati africani» rapi­ti e torturati dai trafficanti per estor­cere riscatti. Il servizio assesta un’al­tra picconata alle tesi del ministro de­gli Esteri egiziano Ahmed Aboul Gheit, il quale ancora sabato negava tutto. Una fonte anonima nel Sinai riferisce di non saper dire quanti so­no i prigionieri. Ne avrebbe visti so­lo 30, ma ammette che il numero cre­sce per i continui arrivi. Soprattutto racconta un fatto avvenuto a fine no­vembre, quando alcuni prigionieri a­vrebbero sottratto le ar­mi ai carcerieri e tentato la fuga. Sarebbero stati catturati dalle guardie di confine dopo uno scon­tro a fuoco che ha provo­cato diversi feriti. Quasi lo stesso racconto fatto dagli ostaggi a fine no­vembre a don Zerai sul blitz conclusosi tragica­mente con l’uccisione a bastonate di sei fuggia­schi. Un resoconto che, un mese dopo l’allarme lanciato da don Mosè, rende insostenibile la po­sizione del Cairo. Che fi­ne hanno fatto i feriti, so­no stati curati negli ospedali egizia­ni? O sono stati riconsegnati ai car­cerieri? Possibile che le guardie di confine non abbiano riferito ai su­periori della sparatoria? Le risposte farebbero crollare il muro di silenzio eretto dalle autorità egiziane attorno al dramma del Sinai. [ Eritrei, la suora testimone: «Picchiato a morte chi non paga» Paolo Lambruschi. 23 dicembre 2010. In tre mesi ha incontrato oltre 200 eritrei ed etiopi passati dall’inferno del Sinai. Racconti di torture orribili che confermano cosa sta accadendo nel deserto, anche se finora il governo del Cairo sostiene di non aver trovato conferme dei rapimenti. Azezet Kidane è una suora comboniana eritrea, vive nella missione di Betania e da giugno due volte alla settimana arriva in autobus a Tel Aviv, nel piccolo ambulatorio dei medici volontari dell’ong internazionale Phr ad ascoltare e assistere i rifugiati. Una testimonianza importante, quella di Suor Azezet. Conferma che negli ultimi tre mesi sono fortemente aumentati i casi di profughi provenienti dall’Eritrea e dall’Etiopia che si  rivolgono alla struttura sanitaria con gravi traumi fisici e mentali causati dalle prigionie nel deserto durante le quali vengono sottoposti a torture fisiche e psicologiche durissime.
«Ho incontrato 193 profughi da settembre ad oggi. Negli ultimi due mesi soprattutto persone provenienti dalla Libia. Aspettano troppo e i controlli di polizia sono troppo duri, così cercano altre possibilità. Molti raccontano di essere stati rapiti nel Sinai dai beduini e legati con i ferri insieme ad altre sei o sette persone e di essere stati picchiati quotidianamente. Alcuni sono stati messi a testa in giù e issati in alto oppure feriti agli arti e minacciati di amputazione. I trafficanti portano nelle prigioni del deserto persone vestite da medici, con il camice bianco. E dicono ai prigionieri terrorizzati che se non pagano toglieranno loro i reni. Sembra incredibile, ma sono le storie che sento ogni giorno, una peggio dell’altra».
E a chi non paga cosa succede? Molti testimoni mi hanno detto la stessa cosa: in ogni gruppo due o tre persone sono state picchiate a morte.
Lei ha incontrato anche donne? Sì, le racconto una storia emblematica. L’altro giorno è venuta in ospedale una giovane eritrea. Ha aspettato oltre un anno in Libia, poi, quando ha visto che non era più possibile arrivare via mare in Italia, ha chiesto a un trafficante di portarla in Israele. Ha pagato duemila dollari ma è stata rapita nel Sinai ed è stata tenuta prigioniera per 40 giorni dei beduini. I trafficanti l’hanno violentata più volte. Poi ha pagato il riscatto. È arrivata in Israele due settimane fa, era incinta. Nonostante tutti i nostri sforzi per convincerla a cambiare idea la settimana scorsa ha abortito nel campo profughi. Ora è distrutta dal rimorso e dalla vergogna, teme di aver contratto l’Aids. È terribile. Continuava a ripetermi che non sapeva chi era il padre e che non avrebbe potuto spiegare come stavano le cose al suo bambino. Dalle testimonianze ha capito come è organizzato il traffico nel Sinai? I trafficanti si passano le persone da un paese all’altro, ma ciascuno si tiene i soldi per la propria tratta. Tu hai pattuito duemila dollari dalla Libia ad Israele, ma quando arrivi nel Sinai devi pagarne altri duemila al trafficante che ti prende in consegna. Chi non può pagare viene sequestrato e deve telefonare ai parenti per trovare i soldi. Le richieste sono aumentate negli ultimi tempi, adesso sono arrivati a chiedere ottomila dollari. Ci sono diverse bande nel Sinai? Credo almeno una ventina. Nessuno mi ha detto il nome del trafficante, ma dalla descrizione del luogo di detenzione so già quali torture hanno subito. Se mi dicono che sono stati prigionieri in una casa di lamiera capisco che sono stati trattati peggio di tutti. I sequestratori sono razzisti. Ad esempio eritrei ed etiopi sono trattati peggio dei sudanesi. Ha capito dove si trovano le prigioni? Sicuramente nel Sinai egiziano. Tutti confermano che i criminali quando li hanno liberati li hanno fatti camminare scalzi fino al confine, a volte sette ore oppure solo un’ora. Poi li fanno correre quando arrivano alla «no man’s land», la terra di nessuno. E la polizia egiziana? Se li ferma per controlli intasca mance dai passatori.  Il rischio è quando si varca il confine, è capitato che lì la polizia spari sui profughi per ucciderli.. C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
 ·
666GiudaicoMassonica
7 mesi fa

[694/26dic.] [questa è una buona notizia, inizia a scricchiolare, il #signoraggio #bancario, Spa, Fmi, Fed, che, loro rubano contro il popolo americano, e contro, i popoli di tutto il pianeta. ] #Usa: #repubblicani contro Papa, Troppo a sinistra, in economia. Fox News, '#Obama della Chiesa'. 26 dicembre, #WASHINGTON, 2#Papa #Francesco, e le sue idee, sul #economia, innervosiscono la #destra #Usa. All'inizio fu #Rush #Limbaugh, il noto commentatore radiofonico ultra-estremista, a chiamarlo ' #marxista'. Ora pero' sono in tanti all'interno del #partito #repubblicano, tra cui #Paul #Ryan e #John #McCain, che criticano apertamente le posizioni del Papa contro un mercato senza regole. E la Fox News lo bolla come '' #Obama della #Chiesa #Cattolica'', frase che, per la tv, piu' conservatrice d'America, non e' certo un complimento. [ allora, con me, loro andranno daccordo, lol. infatti, io non sono di sinistra, lol. ] soltanto, che, io non ho il vizietto di essere un assassino come loro!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
1 mese fa

[ drammatico appello ai BOIA: SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, Abd al-Fattah Khalil al-Sisi, Abd Allah II di Giordania, IN RELAZIONE A CHE COSA, VOI PENSATE DI TROVARE MISERICORDIA? ] odissea degli eritrei: «Noi, picchiati con spranghe» Paolo Lambruschi. 22 dicembre 2010 .  Per la prima volta parla uno degli eritrei sopravvissuti ai mercanti di uomini del Sinai. Il suo riscatto è stato pagato dal fratello, lui racconta come è finito e cosa accade nelle prigioni dei predoni. Un racconto dove si riscontrano impressionanti analogie con quelli dei 250 eritrei, 80 dei quali provenienti dalla Libia, catturati un mese fa.
Tre mesi fa Adam, 22 anni, era prigioniero dei trafficanti di esseri umani. C’è rimasto quasi un mese, incatenato e trattato come una bestia, prima che il fratello maggiore Michele pagasse per liberarlo da un lurido container interrato, a pochi chilometri dal confine tra Egitto e Israele. Michele, che da un paio d’anni vive in Toscana e che aveva chiesto aiuto alla Caritas diocesana fiorentina per mettere insieme i soldi del riscatto, ci ha raccontato cinque giorni fa l’odissea di Adam, rapito dai predoni ai primi di settembre e liberato il 28 dello stesso mese. Una testimonianza importante perché ha smentito il governo egiziano, arrivato a negare perfino l’esistenza degli eritrei prigionieri.
Un’ulteriore conferma che in questo angolo del pianeta fiorisce un immondo mercato sulla pelle dei migranti provenienti dal Corno d’Africa e diretti in Israele. Un affare da milioni di dollari in mano a un racket organizzato e capace di gestire sequestri e riscatti su scala internazionale. Costituito, per quanto siamo riusciti a ricostruire, da una rete di clan beduini che una volta commerciava gli schiavi, i Rashaida, ramificata nel nordest dell’Africa come nel deserto del Sinai, protetta dalle polizie corrotte di diversi Stati e affiancata da complici tigrini che attirano in trappola i migranti impegnati a raggiungere lo stato ebraico dalla Libia o dalla vecchia rotta che attraversa Sudan  ed Egitto. Ieri siamo riusciti a rintracciare Adam in Israele e lui ha accettato di rivivere con noi quei terribili momenti che definisce «my trouble in Sina», il mio problema nel Sinai. Adam oggi vive in un campo per richiedenti asilo in Israele e svolge illegalmente lavoretti saltuari per sopravvivere. Si sta riprendendo dagli stenti patiti durante il rapimento. Il patto è nomi di fantasia e indicazioni topografiche essenziali, per non far correre rischi alle famiglie in Eritrea.
Quando è cominciato il tuo viaggio verso Israele?
Sono partito dall’Eritrea a fine agosto. Vengo da un villaggio alla periferia dell’Asmara. Mio fratello Michele per farmi emigrare ha pagato tremila dollari a un passatore eritreo che vive a Khartoum, in Sudan. Si chiama Mshgna.
Chi ti ha aiutato a uscire dall’Eritrea? I Rashaida. Hanno in mano loro i traffici tra Eritrea e Sudan. Mi hanno portato in un loro accampamento a Kassala. Il giorno dopo è cominciato il viaggio verso il Sinai, sempre con i Rashaida, su piccoli pullman. Ogni vettura trasportava 16 persone. La nostra carovana era composta da cinque pullman. Quindi eravate in tutto 80 persone. Tutti eritrei? Si e ciascuno di noi ha pagato a Mshgna tremila dollari. Il quale ha intascato 240 mila dollari per il vostro trasporto. E durante il viaggio cosa è accaduto?
Tutto liscio fino al Sinai. Ma nel deserto, vicino ad Israele, i Rashaida ci hanno consegnato ad altri beduini. Pensavamo di essere arrivati e di percorrere l’ultimo tratto a piedi per passare il confine. Invece Mshgna ci ha venduti. Un gruppo di uomini armati ci ha messo in colonna e ci ha preso portafogli e documenti. Ci hanno lasciato solo il cellulare, dicendoci di usarlo per chiamare parenti e amici in Eritrea e in tutto il mondo. Se volevano rivederci vivi, dovevano pagare settemila dollari. Poi ci hanno messo le catene ai piedi, che mi hanno tolto solo quando mi hanno liberato, e ci hanno chiuso in un grande container interrato. Quanti eravate dentro? Eravamo circa 70. I container erano tre. In tutto eravamo circa 200. Dunque il vostro valore per i rapitori ammontava a quasi un milione mezzo di dollari. Come vi hanno trattati?
Come bestie, con crudeltà. Ogni giorno venivamo picchiati a caso con sbarre di ferro e minacciati. Dicevano che se non veniva pagato il riscatto ci avrebbero tagliato la testa e tolto gli organi per venderli al mercato nero. Ci hanno dato poco cibo e potevamo uscire solo a piccoli gruppi di sera, sempre sorvegliati. Alle donne è toccato il peggio, sono state stuprate anche se erano lì con fratelli e mariti. 
Hai capito dove eravate?
No, ma abbastanza vicini al confine. Siamo stati liberati in otto perché era stato pagato il riscatto e abbiamo camminato meno di un’ora per superare il confine. La polizia non l’ho mai vista.
Che fine hanno fatto i tuoi compagni di prigionia?
Non lo so. Chi ha detto di non poter pagare è sparito. Nella comunità dei profughi Eritrei in Israele girano storie terribili su quanto sta succedendo nel nord del Sinai.
«Mio cugino ostaggio tra gli eritrei. Vi racconto il ricatto» Paolo Lambruschi
18 dicembre 2010. Il testimone da quasi un mese non riesce più a dormire per la disperazione. Nella lingua con la quale comunichiamo, un misto di i­taliano e inglese, mi parla di « big, big problem »,un problema grandissimo, trovare in fretta i soldi per liberare il cugino, uno dei 250 eritrei « jailed in Sinai», prigionieri nel Sinai. Uno dei 250 ostaggi dei quali, secondo il go­verno del Cairo, non c’è traccia. L’accordo per poter effettuare la con­versazione è non rivelare il vero no­me del testimone, un rifugiato eri­treo in possesso di regolare permes­so di asilo che vive e lavora da anni a Genova. Non vuo­le infatti far correre rischi ai parenti nel­la sua terra, giù nel Corno d’Africa. Lo chiameremo E­zechiele. Circa quat­tro settimane fa ha ricevuto una telefo­nata dal cugino R., 25 anni, che era scappato attraverso il Sahara in Libia nel 2009. Da lì progetta­va di raggiungere l’I­talia e chiedere asi­lo. Ma dopo giugno non è stato più possibile raggiungere le coste della Penisola via mare, anche chi avreb­be diritto a venire accolto come ri­fugiato viene respinto verso Tripoli, il cui governo non distingue tra irre­golari e migranti in fuga dall’op­pressione politica. Questo ha cam­biato piani e rotte di molti dispera­ti, i quali si sono orientati verso la frontiera del Sinai. «R. mi aveva comunicato – raccon­ta Ezechiele – a settembre che, con altri compagni di viaggio, circa una ottantina tra uomini e donne, pro­gettava di fuggire da Tripoli al Cairo e poi da lì raggiungere, attraverso il confine del Sinai, lo stato d’Israele. In Libia era inutile restare, rischia­vano di venire nuovamente incarce­rati, come a giugno». Ma quel viaggio, come ci ha raccontato dal 24 no­vembre il sacerdote cattolico eritreo Mosè Zerai, è diventato una trappo­la infernale. «ll gruppo di R. – conferma Ezechie­le – è finito nelle mani di una banda di trafficanti. Quasi un mese fa mi ha chiamato dicendo che aveva pa­gato duemila dollari per il viaggio, ma nel deserto è stato abbandona­to e derubato di tutto dai banditi. Gli hanno lasciato solo il telefono. Poi mi ha passato uno dei rapitori, che mi ha chiesto un riscatto di ottomi­la dollari se volevo rivedere vivo mio cugino». Da allora le telefonate so­no diventate uno stillicidio quasi quotidiano. «Mi fanno uno squillo e devo ri­chiamare il numero sul display subito dopo. Risponde R., che mi dice di non potersi muovere perché è in catene e che viene torturato. Mi passa un carce­riere. È un arabo, mi ripete che devo tro­vare il denaro e che il tempo sta scaden­do. Non so quanti siano i prigionieri. Secondo mio cugino, più di 200». Le modalità di pagamento sono pre­cise, i soldi andranno mandati via money transfer a una persona che verrà indicata dalla gang. «Ma io quei soldi non li ho proprio – conclude con voce rassegnata Eze­chiele – e non so come trovarli. So­no disperato. L’ho detto anche a R. e lui mi ha dato il numero di telefono di Mosè Zerai, il prete cattolico, di­cendomi che lui sta cercando di sal­vare gli ostaggi». Un’altra testimonianza che confer­ma la tragedia in corso in queste o­re nel Sinai, dove un racket interna­zionale di trafficanti di esseri uma­ni può rapire, torturare e violentare centinaia di persone indisturbato. Un’altra testimonianza che chiede una risposta al governo del Cairo. Un giovane eritreo prigioniero. C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
 ·
666GiudaicoMassonica
7 mesi fa

[692/26dic.] su questa pagina, si vede soltanto, il commento [684/256dic.7,31] mentre /user/ShalomGerusalemme/discussion, lui aveva pubblicato il [691/26dic.12,57] [ che c'è sanata+, Fmi+, Nwo+ ti vedo in affanno!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
1 mese fa

[ drammatico appello ai BOIA: SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, Abd al-Fattah Khalil al-Sisi, Abd Allah II di Giordania, IN RELAZIONE A CHE COSA, VOI PENSATE DI TROVARE MISERICORDIA? ] Il popolo dei senza nome chiama un sussulto di umanità. Marco Impagliazzo. 17 dicembre 2010. Non diminuisce la preoccupa-zione per il destino dei profughi eritrei ostaggio delle bande di predoni nel deserto del Sinai. È da tempo che Avvenire segnala questa tragica situazione. Si tratta di famiglie inermi, vittime del traffico di esseri umani divenuto una vera emergenza internazionale. Il Parlamento europeo proprio ieri ha approvato una risoluzione in cui si sollecita, seppur timidamente, un intervento a favore degli ostaggi e la fine del dramma che continua a consumarsi di fronte all’indifferenza degli Stati. Anche la Commissione Europea si è espressa. Ma serve ancora di più. Ci chiediamo: è possibile che con tutta la forza della relazione che il nostro Paese ha con l’Egitto (ricordiamolo: invito al G8, scambi continui, visite, accordi commerciali) non si riesca a ottenere un intervento umanitario per liberare gli eritrei intrappolati nel deserto? Vi sono zone grigie nel mondo, come il Sinai, dove un conflitto irrisolto o un interesse strategico, ha lasciato spazi vuoti, dove non si applica alcuna legge, e nei quali persone in trappola vengono dimenticate. Esistono in diversi continenti, anche nelle nostre città: un universo parallelo in cui si perdono o sopravvivono gli "invisibili", profughi senza diritti, emigrati, gente che fugge. Ci sono pieghe e angoli bui in cui sopravvive un popolo di poveri, abbandonati, persone in fuga, senza contatti esterni. Sono i barboni che ogni tanto incontriamo lungo le nostre strade, nel freddo intenso di questi giorni, come Saidou Gadiaga, il senegalese di 36 anni morto di asma domenica mattina nella cella di una caserma a Brescia. Il messaggio del Natale, "non c’era posto per loro", sembra la cifra del nostro tempo, distratto e incattivito. La regola sembra una sola: "vivere per se stessi". I profughi raccolti senza vita sulle spiagge australiane dimostrano che in tante parti del mondo c’è un popolo in fuga di senza nome, senza padrini né manifesti identitari da esibire. Di fronte a tali tragedie, che si verificano a tutte le latitudini, manca un sussulto di umanità e una politica capace di affrontare un fenomeno epocale, ma da almeno due decenni davanti ai nostri occhi. Eppure queste persone offrono alle nostre società un’opportunità da non perdere. Sappiamo che il calo demografico europeo richiede l’apporto di nuovi afflussi. Cosa sarebbero le nostre famiglie senza badanti? Gli ultimi dati dimostrano che è iniziato un trend discendente. Il fenomeno migratorio a livello planetario va verso una stabilizzazione. Secondo alcuni studi i flussi dai Paesi poveri subiranno una graduale riduzione fino a scomparire entro il 2050. È solo uno degli scenari possibili ma sicuramente non è una buona notizia per economie fortemente dipendenti dal contributo dei cittadini immigrati. In Europa, e questo è un dato vero, i flussi di ingresso negli ultimi tre anni hanno subito una flessione. Mentre la politica fa fatica a trovare soluzioni che semplifichino i processi di integrazione, vediamo approssimarsi una svolta: il lavoro degli immigrati non sarà una risorsa inesauribile. In Italia si fa già fatica a trovare immigrati per il servizio alla persona. Oggi gli stranieri nel nostro Paese ripopolano luoghi abbandonati, ridanno vita a centri che rischiavano di essere cancellati dalle cartine geografiche e, in molti casi, tengono aperte le scuole elementari che rischierebbero altrimenti di chiudere per mancanza di alunni. Il Natale ci parla di un bambino che non ha trovato posto per nascere. È una storia che si ripete anche oggi in società ricche. Ma perché avere paura di un bambino?. Il senso dell’umanità ci suggerisce di dargli un futuro e non di respingerlo. C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
 ·
666GiudaicoMassonica
7 mesi fa

[696/26dic.] nonostante, una pena simbolica, per il loro crimine sacrilegio universale, blasfeme, #Amnistia per #Pussy #Riot, liberate #Nadia e #Maria, Esce dal carcere al grido di ' #Russia senza #Putin' (ed infatti adesso, il buon senso, la intelligenza, si trova nelle tette, per loro ) Chiesa russa pronta a dialogo, per un tentativo di redenzione,  con le due donne (sacrileghe e traviate, le degne figlie del sistema massonico bildenberg, la sinagoga di satana Fmi, Nwo ) 24 dicembre, 14:41
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
1 mese fa

[ drammatico appello ai BOIA: SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, Abd al-Fattah Khalil al-Sisi, Abd Allah II di Giordania, IN RELAZIONE A CHE COSA, VOI PENSATE DI TROVARE MISERICORDIA? ] La Ue in campo: salvare subito i profughi eritrei. Gianluca Cazzaniga. 17 dicembre 2010. Alla fine l’Europa è scesa in campo. E per la drammatica vicenda dei profughi eritrei, ha fissato la sua parola definitiva: vanno liberati, subito. Gli eurodeputati hanno approvato ieri la risoluzione a lungo dibattuta negli ultimi giorni, accogliendo il testo della mozione che era stata presentata dal Partito popolare. Con l’approvazione di un emendamento orale, proposto in aula dall’onorevole Carlo Casini, che ha fatto la differenza. «Il Parlamento europeo – cita il testo, accolto dall’assemblea e inserito nella risoluzione – sollecita le autorità egiziane a prendere tutte le misure necessarie per assicurarsi della liberazione degli eritrei tenuti in ostaggio». Con una raccomandazione, che la dice lunga sui metodi che d’ora in poi dovranno essere utilizzati nella zona “rossa” del Sinai secondo l’Europa : evitando, cioè, «l’uso di metodi repressivi e violenti contro gli immigrati clandestini che attraversano i confini del Paese». Ma c’è anche di più, nel documento approvato ieri a Strasburgo, che pure sottolinea l’impegno del governo del Cairo negli ultimi anni nella tutela dei diritti umani, anche sulla base dei numerosi trattati internazionali sottoscritti dal Paese (uno su tutti, la Convenzione sui rifugiati del 1951): sempre nell’emendamento di Casini, infatti, si sottolinea come l’Egitto «dovrebbe proteggere la dignità dei profughi e la loro integrità fisica e psicologica, garantendo che tutti quelli che si trovano in stato di detenzione nel Paese possano entrare in contatto con l’Acnur (l’Alto commissariato delle Nazioni unite per i rifugiati, ndr), permettendo a quest’ultimo di incontrare tutti i richiedenti asilo che si trovano in custodia dello Stato». Una risposta chiara, dunque, a quanto avvenuto negli ultimi giorni, e alle stesse dichiarazioni delle autorità del Cairo, che se in un primo momento avevano dichiarato di essersi attivate per la mediazione coi capi tribù beduini affinché liberassero gli ostaggi eritrei, avevano poi ribaltato la loro posizione, prima accusando i Paesi che avevano respinto i profughi d’essere responsabili per l’accaduto, poi sostenendo addirittura (contro ogni evidenza, e contro il parere stesso d’Israele) che la notizia del sequestro fosse stata montata ad arte per istigare l’opinione pubblica contro il governo. La maggioranza degli eurodeputati presenti in aula ieri pomeriggio ha premiato il testo presentato dal gruppo dei popolari a scapito della proposta di risoluzione comune avanzata dal «cartello» di cui fanno parte socialisti (Pse), liberali (Alde), Sinistra unita (Gue) e verdi. Il testo comune presentato dai quattro gruppi è stato votato per primo dall’assemblea, come vuole la procedura. Risultato: 31 voti favorevoli e altrettanti contrari. Un pareggio che, secondo le regole, equivale a una sconfitta. Poi gli europarlamentari hanno vagliato la proposta dei popolari, che è passata con 36 sì contro 14 no, e con l’approvazione decisiva dell’emendamento orale di Casini. Respinto, invece un altro emendamento, proposto stavolta dall’eurodeputato David Sassoli, capo delegazione del Partito democratico: invitava gli Stati membri ad affrontare l’emergenza umanitaria mediante il re-insediamento volontario in Europa di tutti i richiedenti asilo coinvolti in questa crisi. Soddisfatti i popolari Carlo Casini e Mario Mauro: «In modo serio ed equilibrato – ha spiegato il primo – e senza trasformare questo voto in un attacco ad uno Stato, abbiamo chiesto di provvedere ad azioni immediate per liberare gli ostaggi svolgendo anche un’azione di sorveglianza a carattere permanente, senza ricorrere ad uccisioni e a metodi violenti». «Con questa risoluzione – ha poi aggiunto Mauro, da cui è partita l’iniziativa della risoluzione per il Ppe – la nostra assemblea fa sentire la propria voce in difesa di questi profughi chiedendone la liberazione immediata e la fine delle torture che stanno subendo». C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
1 mese fa

[ drammatico appello ai BOIA: SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, Abd al-Fattah Khalil al-Sisi, Abd Allah II di Giordania, IN RELAZIONE A CHE COSA, VOI PENSATE DI TROVARE MISERICORDIA? ] «Ho pagato per salvare mio fratello dai predoni» Paolo Lambruschi. 17 dicembre 2010. Arriva da Firenze la prova, se ce n’era bisogno, che nel Sinai è in atto un orrendo e florido mercato di esseri umani. Dalla Toscana arriva la testimonianza di un rifugiato eritreo, cui da tempo il nostro Paese ha concesso asilo politico, il quale ha dovuto riscattare tre mesi fa la vita di suo fratello. Un testimone che smentisce in pieno le dichiarazioni del governo egiziano, secondo il quale non v’è traccia dei 250 eritrei ostaggio dei banditi nel deserto al confine con Israele. E conferma invece l’esistenza e le spietate modalità di azione di un racket internazionale che, chiedendo 10 mila dollari per risparmiare un ostaggio, sta lucrando milioni di dollari sulla pelle di centinaia di disperati. Non possiamo divulgare i veri nomi dei protagonisti per non mettere in pericolo i loro famigliari in Eritrea. Le istituzioni che ci hanno messo in contatto con il testimone, che chiameremo Michele, sono la Caritas italiana e la Caritas della diocesi fiorentina. Ai primi di settembre l’operatrice della Caritas di Firenze Elsa Dini riceve un’inusuale richiesta d’aiuto da parte dei Comboniani. Michele, che la congregazione ha aiutato a inserirsi, deve pagare settemila dollari a una banda di predoni egiziani per liberare suo fratello prigioniero nel Sinai. «All’inizio - spiega Elsa Dini - Michele mi raccontò che suo fratello Adam, 22 anni, era fuggito dall’Eritrea attraverso il Sudan. Dall’Italia aveva pagato tremila dollari a un passatore eritreo perché lo portasse in Israele, ma una volta in Egitto il giovane era stato catturato. Se non venivano versati altri settemila dollari, sarebbe stato ucciso. Subito contattai la Caritas egiziana. La quale mi disse che avevano già affrontato casi simili e c’era speranza di farlo rilasciare solo se era nelle mani della polizia. Se invece l’avevano preso i predoni l’unica era pagare il riscatto».
Lasciamo proseguire Michele.
Adam voleva fuggire dall’Eritrea e raggiungere l’Europa. Ma dopo l’estate non era più possibile arrivare in Libia e da lì attraversare il Mediterraneo verso l’Italia. Ora tutti dal Corno d’Africa puntano a raggiungere Israele passando dalla vecchia rotta del Sudan. Nello stato ebraico puoi ottenere un permesso come rifugiato e passare in Europa». Alla fine dello scorso agosto Michele contatta un eritreo che vive a Khartoum, la capitale sudanese. «Alcuni conoscenti mi diedero il cellulare di questo tale, Mshgna. Concludemmo un accordo: se versavo tremila dollari avrebbe raccolto mio fratello fuori dal confine tra Eritrea e Sudan e lo avrebbe condotto in un campo alle porte di Kassala. Da lì sarebbe partito su un camion con un altro gruppo di profughi e in una settimana avrebbe raggiunto Israele».
Adam passa la frontiera il primo settembre e raggiunge il campo vicino alla città sudanese. Quindi varca il confine egiziano, dopo di che di si perdono le sue tracce. «Chiamavo Mshgna, gli chiedevo che fine aveva fatto mio fratello. Lui mi rispondeva di star tranquillo» Ma il 7 settembre Adam si fa vivo con una telefonata drammatica.

«Mi disse con voce terrorizzata che era stato abbandonato nel Sinai nelle mani di un gruppo di arabi egiziani. Lo avevano rinchiuso con altre 90 persone in una casa. Li tenevano incatenati e li picchiavano. Gli avevano portato via tutto, avevano lasciato solo i cellulari per chiamare i parenti. E se non avessi pagato 7000 dollari minacciavano di tagliargli la testa e di espiantargli gli organi per venderli». In preda al panico Michele si rivolge ai Comboniani e alla Caritas. «Chiamai Mshgna e gli urlai che mi aveva ingannato. Mi disse che non c’entrava nulla, ma mi consigliava di pagare, se ci tenevo a mio fratello. Che intanto mi telefonava ogni giorno. Faceva uno squillo ed io dovevo richiamare. Si lamentava di venire torturato. Mi raccontò che vicino c’erano altre due costruzioni dove in tutto stavano almeno 250 prigionieri. Chi non poteva pagare veniva fatto sparire. C’erano anche donne, umiliate e violentate. Non so in quale località si trovasse, ma quando ho pagato il riscatto, ho capito che era abbastanza vicina al confine israeliano». Michele raccoglie soldi nella diaspora eritrea. Infine chiede alla famiglia in patria di vendere terreni e bestiame. «Quando ho raccolto settemila dollari, ho chiamato i rapitori. Per il pagamento abbiamo concordato di consegnare i soldi a un certo Daniel. Ho versato il danaro a un mio parente in Israele. Si è presentato lui il 28 settembre all’appuntamento alla frontiera con  la somma. Allora Daniel ha telefonato per dare il via libera e, dopo poco tempo, è arrivato Adam, malconcio, ma vivo. È andato in ospedale e da lì in campo profughi». Ecco cosa accadeva a settembre nel Sinai, altro che montature mediatiche. Neppure due mesi dopo, don Mosè Zerai riceveva la prima telefonata dagli eritrei provenienti dalla Libia. Avevano versato duemila dollari per il viaggio verso Israele. Per liberarli, i trafficanti ne chiedevano altri ottomila Identica dunque la somma totale chiesta, diecimila dollari. E identiche le minacce, le violenze e le torture praticate, le modalità di detenzione e il numero di ostaggi, 250 circa. Davvero tante le coincidenze in questa storia. Resta da capire quanto è grande questo racket e chi lo copre. E dove siano finite le persone sequestrate a settembre, se tra gli ostaggi che in contatto con il sacerdote eritreo, che sono a Rafah prigionieri del predone Abu Khaled, o in altre mani. Oppure se è stata mantenuta la minaccia di ucciderli ed espiantare loro gli organi. Magari il governo del Cairo ora sarà in grado di ammettere l’evidenza e dare alla comunità internazionale e all’opinione pubblica qualche risposta. C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
1 mese fa

[ drammatico appello ai BOIA: SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, Abd al-Fattah Khalil al-Sisi, Abd Allah II di Giordania, IN RELAZIONE A CHE COSA, VOI PENSATE DI TROVARE MISERICORDIA? ]  Profughi eritrei nel Sinai: si mobilita il Parlamento Ue. Ilaria Sesana. 13 dicembre 2010. Il Parlamento europeo voterà giovedì, su proposta del capodelegazione Pdl Mario Mauro, una risoluzione urgente sulla drammatica situazione dei 250 eritrei tenuti in ostaggio da diverse settimane nel deserto del Sinai. "Il Parlamento deve chiedere subito all'Ue di intensificare le pressioni sul governo egiziano per salvare queste vite - ha detto Mauro - perché non possiamo tollerare che una banda di trafficanti di esseri umani possa tenere in ostaggio, torturare e uccidere donne incinta e bambini". "Profonda preoccupazione" per la sorte dei 250 profughi eritrei ostaggio di una banda di predoni nel deserto del Sinai è stata espressa anche dai due vicepresidenti italiani dell'Europarlamento, Gianni Pittella (Pd) e Roberta Angelilli (Pdl). "Da varie settimane - si legge in una nota - ci sono uomini,donne e bambini che vivono in condizioni inumane, subendo ogni tipo di tortura e violenza. Temiamo per la loro vita e per il loro destino, perchè queste persone rischiano di divenire vittime del traffico di organi, della prostituzione e dei lavori forzati". "In Egitto si sta consumando una grave violazione dei diritti umani - continuano - e la comunità internazionale e l'Unione Europea non possono rimanere indifferenti davanti a una simile tragedia. Chiediamo che l'Alto Rappresentante per la politica estera della UE, intervenga immediatamente perche sia posto fine al calvario di queste persone indifese". L'UCCISIONE DI DUE DIACONI. Continua la tragedia dei profughi eritrei nel deserto del Sinai. Altri due giovani sono stati uccisi ieri dai trafficanti che da quasi un mese li tengono imprigionati e in catene. Un duplice omicidio che porta ad otto la tragica conta da quando questi poveretti sono finiti nelle mani dei predoni. A dare la notizia don Mussie Zerai. «Avevano meno di trent’anni ed erano due diaconi della chiesa ortodossa che animavano e guidavano nella preghiera il gruppo dei prigionieri - spiega il direttore dell’agenzia Habeshia-. Già qualche giorno fa i predoni avevano strappato le loro Bibbie. Erano visti un po’ come gli animatori del gruppo e li hanno accusati di aver lanciato l’allarme».  Nemmeno tra le associazioni che da settimane tengono i contatti con il gruppo dei profughi si sapeva che ci fossero due diaconi tra i prigionieri. Anche se, nella chiesa ortodossa eritrea, si definisce diacono non solo chi ha ricevuto l’ordinazione, ma anche i semplici animatori che guidano la comunità nella preghiera.

Dopo le catene e le botte, gli stupri subiti dalle donne e le privazioni di un mese di prigionia ieri si è consumata l’ennesima tragedia. L’accusa ai due giovani, la brutale esecuzione di fronte a tutti gli e nuove violenze. Una tragedia cui si aggiungono le menzogne delle autorità locali che negano la presenza di questi ostaggi nel loro territorio. «Li hanno picchiati selvaggiamente, accanendosi in cinque su una sola persona. Alcuni sono quasi in fin di vita - racconta con voce rotta don Mussie -. Il ragazzo con cui di solito sono in contatto è stato picchiato così duramente da non riuscire nemmeno a parlare».

A quel punto è stata una giovane a prendere in mano il cellulare e aggiungere agghiaccianti particolari: da qualche giorno gli aguzzini non danno più nemmeno l’acqua ai loro prigionieri che sono costretti a bere le proprie urine per sopravvivere. «Lei continuava a piangere: sono stati picchiati sulla pianta del piede per costringerli a telefonare nuovamente ai loro parenti per chiedere aiuto conclude don Mussie. Ogni volta sentirli è uno strazio». La situazione precipita di ora in ora, dopo il cauto ottimismo di qualche giorno fa. Si sono persi anche i contatti con il gruppo formato da circa un centinaio di profughi che venerdì è stato prelevato dalla prigione di Rafah e trasferito non si sa dove. «Non riusciamo a contattarli telefonicamente e non sappiamo dove li abbiano portati spiega Roberto Malini, co-presidente del Gruppo EveryOne. Il nostro timore è che Abu Khaled, il trafficante che fin dall’inizio ha avuto in mano i 250 profughi africani, li abbia rivenduti ad altri predoni». Ma l’angoscia più grande, che pesa sul cuore di chi sta lottando per salvare queste persone, è che i profughi possano sparire nel nulla, vittime dello spietato traffico clandestino degli organi. L’attenzione mediatica che in queste settimane si è concentrata sul Sinai probabilmente infastidisce Abu Khaled e i suoi complici, sebbene possano contare su una vasta rete di supporto nella città di Rafah e, probabilmente, anche della complicità della polizia locale. «Non è possibile che centinaia di persone possano essere imprigionate in una città come Rafah che conta poco meno di 70mila abitanti, dove ci sono persino un carcere e una stazione di polizia. In una delle aree più militarizzate del Medioriente, a pochi chilometri dalla frontiera con  Israele», aggiunge Malini. Eppure il governo egiziano (il solo che potrebbe agire concretamente per risolvere la situazione) continua a tentennare. Voci disperate che nessuno sembra voler ascoltare. "È una cosa assurda. Non si può più aspettare i tempi delle diplomazie, perché la gente sta morendo di fame e di sete - si tormenta don Mussie -. Quella che sta accadendo è una vera e propria barbarie: chiediamo che la comunità internazionale condanni tutto ciò e che richiami il governo egiziano a intervenire con decisione».
"Quello che sta succedendo è orribile", conclude Roberto Malini che, assieme a Matteo Pegoraro e Dario Picciau, co-presidenti del Gruppo EveryOne, sta lavorando in queste ore per ottenere le necessarie autorizzazioni per raggiungere Rafah. «Speriamo di poter partire già martedì o mercoledì spiega. Da lì, probabilmente, potremo intervenire con maggiore efficacia». Ilaria Sesana. C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
1 mese fa

[ drammatico appello ai BOIA: SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, Abd al-Fattah Khalil al-Sisi, Abd Allah II di Giordania, IN RELAZIONE A CHE COSA, VOI PENSATE DI TROVARE MISERICORDIA? ]  Quei banditi, mortalmente «utili» Elogio del predone. Marina Corradi. 10 dicembre 2010. Dunque di quel gruppo di prigionieri nel Sinai si sanno ormai molte cose. Si sa, riferiscono il prete e le organizzazioni umanitarie che testardamente ne inseguono i destini, in quale luogo del deserto sono; si sa chi sono i trafficanti che li tengono in catene, e ne hanno già ammazzati sei. Profughi e migranti – tra cui donne incinte e bambini – bloccati e incarcerati in Libia, poi fuggiti e risospinti verso l’ultima speranza, la frontiera di Israele, prima di cadere nelle mani dei predoni. E mentre si sa tutto questo, quelli là restano prigionieri. Allora sorge un dubbio. Sgradevole, forse non oggettivamente dimostrabile, tuttavia affiora. Che, cioè, queste bande che rastrellano disperati alle spalle della Libia siano, certo, banditi, pirati, capitribù senza più legge né morale; e tuttavia che la loro attività non sia combattuta con tutta l’efficacia di cui, ne siamo sicuri, le polizie di quella regione sono, all’occorrenza, capaci. Il dubbio, inoltre, che quella barriera nei deserti, mobile ma pronta e rapace a cogliere il passaggio di nuove vittime, in fondo sia tacitamente funzionale agli interessi di molti. Dei Paesi da cui profughi e migranti fuggono, come deterrente ad avventurarsi in un ancora più incerto destino. Di quelli che si affacciano dall’Africa sul Mediterraneo, e vogliono arginare la pressione sui loro confini. E anche nostra, dei Paesi di primo approdo dell’onda; nonché del resto di una Europa poco incline a farsi carico dell’onere di migranti, non pochi dei quali hanno diritto, secondo tutte le convenzioni, all’asilo.Anche la sostanziale indifferenza con cui giornali e tv assistono a questa odissea aumenta il dubbio. Si scende giustamente in piazza per Sakineh, e quei sei già ammazzati come cani dai trafficanti? E quei 250, e gli altri, come schiavi nell’anno 2010, alle stesse latitudini in cui noi europei cerchiamo il sole, in inverno? Che cosa manca al dramma dei profughi del Sinai, che cosa non è appealing secondo i nostri canoni mediatici? Forse il non vedere, non avere immagini di quell’angolo di deserto? Ma il dubbio è anche più radicale. Il dubbio che quelle masse, ai nostri occhi indefinite, in fuga dalla guerra o dalla miseria, agli europei, agli italiani non interessino. Che non ci appaiono del tutto uomini, ma numeri, grandi numeri che premono per sedersi alla nostra tavola, forse non imbandita, ma a cui pure si mangia. Pelli scure, lingue incomprensibili, bocche affamate: non abbiamo voglia di ascoltare le loro oscure odissee. Il Mediterraneo come una diga, come un argine al di sotto del quale sobbolle un altro mondo; le convenzioni, i diritti dell’uomo che tanto amiamo ripetere? Parole vuote, lì sotto. Non sappiamo, e non vogliamo sapere; in tempi poi di quasi, forse, elezioni, a chi porterebbe voti sostenere la causa di un manipolo di profughi, in un’Italia già dell’immigrazione insofferente? Allora, forse, quelle bande predone nel Sinai svolgono una primitiva ma efficace funzione di mantenimento di equilibri. Scoraggiano i più audaci o disperati, aiutano le polizie locali in un’azione di deterrenza tanto più forte quanto clandestina; bilanciano, con la loro eco di paura e di morte, le promesse che il Terzo Mondo vede nelle immagini delle tv occidentali. Sopra la diga, da noi, ci si può compiacere che il flusso di «clandestini» sia calato. L’Europa può evitare di affrontare organicamente la questione di chi irregolarmente fugge da persecuzione e guerra. Elogio del predone: tiene sotto controllo una pressione altrimenti difficilmente arginabile. Mantiene una sorta di ecosistema. Con mezzi barbarici. Che però non vediamo, e quindi possiamo quasi ignorare. Possiamo non pensare a quei prigionieri scacciati e braccati. A quelle donne, tra loro, con un bambino nel ventre. Che aspetta di nascere, ultimo degli ultimi; come quell’altro, ricordate, che nacque, quasi da quelle stesse parti, due millenni fa, a Natale. C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
1 mese fa

[ drammatico appello ai BOIA: SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, Abd al-Fattah Khalil al-Sisi, Abd Allah II di Giordania, IN RELAZIONE A CHE COSA, VOI PENSATE DI TROVARE MISERICORDIA? ] Prigionieri eritrei,
si muovono gli 007 egiziani. 8 dicembre 2010. L’Egitto si muove per la liberazione dei profughi eritrei in ostaggio in Sinai. I servizi di sicurezza egiziani stanno trattando con i capi tribù della regione al confine con Israele, per ottenere il rilascio delle centinaia di persone brutalizzate dai rapitori, che per la liberazione ora chiedono alle famiglie 8 mila dollari per ciascuno. A Roma, quasi due settimane dopo la prima denuncia del 25 novembre scorso su "Avvenire" (seguita, nei giorni successivi, da altri sette grandi titoli in prima pagina), parlamentari di diversi schieramenti premono sull’Unione europea perché promuova una evacuazione umanitaria e dia asilo ai profughi. Per l’Unhcr la situazione è anche frutto della politica italiana dei respingimenti. Ma il sottosegretario agli Esteri Stefania Craxi puntualizza: «La Farnesina si sta occupando della vicenda, come per ogni caso umanitario, attraverso i canali bilaterali e multilaterali nel rispetto della sovranità dell’Egitto. Ci siamo mossi anche su Bruxelles. Ma non è una questione che riguarda il governo italiano: usciamo da questo equivoco, non sono profughi dal nostro territorio. Non è il governo italiano – sottolinea – che può e deve risolvere la vicenda». A quanto riferisce l’Ansa, i servizi egiziani stanno trattando con le autorità tribali della zona. Insieme ai 250 eritrei ci sono circa altri 300 africani. Il gruppo degli eritrei sarebbe in mano ad un solo trafficante in una zona ancora non localizzata. Ma gli ostaggi in totale sarebbero circa 1.500 provenienti da Sudan, Etiopia, Guinea e Nigeria, detenuti nella zona attorno ad El Hassnah, al centro del Sinai, ma anche a sud di Rafah, pochi chilometri dal confine con Israele, meta cui puntavano i profughi in fuga dalla Libia, vista l’impossibilità di uno sbarco in Europa. Le fonti egiziane confermano che i migranti sono spesso usati dai sequestratori per l’espianto di organi. «I beduini sono armati fino ai denti», spiega don Mosé Zerai. Il sacerdote eritreo che sta tenendo i contatti con alcuni ostaggi ha partecipato alla conferenza al Senato organizzata dal presidente dell’Associazione "A buon diritto" Luigi Manconi, cui sono intervenuti tra gli altri per il Pd Livia Turco e Jean Leonard Touadì e i radicali Matteo Mecacci e Rita Bernardini, per Fli Benedetto Della Vedova e per l’Udc Paola Binetti e Savino Pezzotta. Proprio da Pezzotta, che è anche presidente del Cir, viene la proposta di un appello trasversale dei parlamentari all’Ue. «I rapitori – spiega don Zerai – invitano gli ostaggi a chiamare i familiari per il riscatto». Un giovane di 26 anni ieri gli raccontava di come la situazione stesse precipitando: «Hanno ricominciato a picchiarci – ha raccontato l’ostaggio – e siamo pieni di piaghe per le percosse. Tra di noi ci sono donne incinte e bambini piccoli. Non ci laviamo da un mese, viviamo nella spazzatura. Fate presto, fate qualcosa». Il direttore del Consiglio italiano dei rifugiati (Cir) Cristopher Hein spiega che «sono trafficanti di droga e di armi verso Gaza. Israele ora è una meta per i profughi. Le politiche europee di respingimento dell’immigrazione irregolare impediscono anche a loro di cercare scampo dalle guerre. Israele sta costruendo un muro di 110 chilometri sul confine con l’Egitto. I soldati hanno l’ordine impedire fisicamente il passaggio: eritrei e somali sono morti così». Per Laura Boldrini, portavoce dell’Alto commissariato Onu per i rifugiati (Unchr), «l’Italia ha una corresponsabilità» nella vicenda: la politica dei respingimenti verso la Libia contro l’immigrazione irregolare iniziata a maggio 2009 «ha impedito di fatto la fruibilità del diritto di asilo, sancito dalla Costituzione e dalla Convenzione di Ginevra». Manconi cita i dati relativi alle domande del 2008: «A Lampedusa il 74% faceva domanda di asilo e oltre la metà veniva accolta dell’Italia». Don Zerai conferma: «Un centinaio tra gli ostaggi sono i profughi respinti dall’Italia. Fui io, a giugno 2009, a ricevere l’appello degli eritrei in mare. Lanciai l’allarme alle autorità italiane: aspettarono tre giorni in mare, poi una vedetta italiana li riportò in Libia». Racconta Mecacci, radicale del Pd: «All’epoca il sottosegretario Nitto Palma ci assicurò che tra gli 800 respinti nessuno aveva chiesto l’asilo». Ancora don Zerai ha riferito che tra i giovani eritrei serpeggia il timore di essere trasferiti altrove. Continuano i maltrattamenti e le percosse, e le richieste di denaro da parte dei rapitori. I ragazzi hanno appreso da don Zerai dei contatti tra i capi tribù del Sinai e i servizi di sicurezza egiziani, per arrivare a un rilascio. Il sacerdote è scettico sull'idea che il governo egiziano non sappia dove sono i prigionieri: «Se sanno che sono in mano di un unico trafficante di esseri umani, e se uno dei nomi di località che ha fatto il governo, Rafah, coincide con quello che raccontano i prigionieri come si fa a dire che non li hanno ancora localizzati?». C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
1 mese fa

Benjamin Netanyahu HA DETTO: "CHE COSA POSSO FARE IO? answer [ prendi i carri armati, ed occupa definitivamente, tutto quel deserto! CONTRARIAMENTE, tu pagherai, con il tuo sangue, per il loro sangue!!"] Squali, assassini e disperati d’Africa. Quanto vale un non-uomo? Marina Corradi. 7 dicembre 2010. Uno squalo ha ucciso una bagnante nelle acque di Sharm el-Sheik. Sui giornali un resoconto dettagliato, anche a tutta pagina, completo di immagine dello squalo, e misure, peso, lunghezza dei denti nonché abitudini alimentari. Lo squalo predilige i cefalopodi, il barracuda e il tonno, veniamo edotti – per la completezza della informazione. Già, l’informazione. A poche centinaia di chilometri da Sharm el-Sheik, nel Sinai 250 profughi africani sono prigionieri da settimane di predoni. Che pretendono dai familiari un riscatto. E intanto, per far capire che non scherzano, ne hanno già uccisi sei. Gli altri aspettano in catene il loro destino. Di quei 250 miserabili ha parlato il Papa, all’Angelus di domenica. Ha pregato per loro. Ma alla sua voce non sembra aggiungersi quella specie di preghiera laica che è la mobilitazione mediatica. Non si vede salire nei titoli una battaglia paragonabile, per esempio, a quella per Sakineh. Eppure quegli uomini sono 250, e in sei sono già morti. Eppure il Sinai non è lontano da quella spiaggia dove uno squalo assassino merita le prime pagine. Uomini e no, viene da pensare. Al mondo esistono gli uomini: sono quelli che vanno in vacanza a Nama Bay, e che sono comprensibilmente disturbati dalla presenza di uno squalo. Facilmente gli italiani benestanti, di Sharm el-Sheik affezionati frequentatori, si lasceranno coinvolgere dalla tragica fine di una turista straniera che nuotava serena, proprio come facevano loro l’anno scorso. Proprio come vogliono fare a Natale: oddio, c’è uno squalo a Nama bay, ci si telefona fra amici in partenza. E poi al mondo esistono i non uomini, gli Untermenschen che scappano dalle guerre infinite di Etiopia, Eritrea e Somalia in carovane di camion, nella polvere. Finiscono in Libia, li imprigionano, fuggono. Non tentano più di imbarcarsi: il Mediterraneo è sbarrato, e quanti già, come loro, giacciono in fondo al mare, in un cimitero senza croci. Come in un labirinto cieco, di respingimento in respingimento, tornano indietro, vendendo sé stessi per pagare un passaggio, una minima speranza di salvezza. Quei 250 volevano chiedere asilo in Israele. I predoni che ne fanno "commercio" li tengono nel Sinai senza alcuna fatica: uomini stremati, allo sbando, disarmati. Quanto vale la vita di un morto di fame? Famiglie di immigrati in Svizzera, nel Nord Europa si sono sentite chiedere 8.000 dollari dai fratelli, dai figli prigionieri. In sei già ammazzati, il prossimo quando? A dare voce al dramma un prete e le solite Ong. Ma il dramma non trapassa la cortina di una distratta indifferenza sui giornali. Non fa scendere in piazza, non suscita raccolte di firme di intellettuali. Come mai, potremmo candidamente chiederci. Ma è semplice: la faccenda dello squalo a Sharm el-Sheik riguarda "noi". Quei turisti a Nama Bay potremmo essere noi, nelle vacanze di Natale. Leggiamo dunque con allarmata immedesimazione della tragica fine di una "come noi". Le 250 vite e storie di quei profughi braccati invece non ci coinvolge emotivamente: sono neri, senza una casa né un soldo, affamati e sporchi. Incomprensibili per noi le loro odissee. Profughi, da che cosa? Gli echi di guerra e sangue che filtrano talvolta tra la cronaca di una festa ad Arcore e l’ultima lite in Parlamento ci giungono così confusi e lontani. E, magari, al Nord (e non solo) qualcuno sotto sotto pensa che quei 250 prigionieri sono 250 immigrati di meno a casa nostra. Non c’è nemmeno, a coinvolgerci, la tensione di una battaglia contro una sentenza di morte. Quei là nel Sinai sono anche al di sotto dei requisiti minimi per avere dei diritti civili: profughi e dunque come non più cittadini di alcun Paese. Non uomini di una non patria. Figli del niente. A chi interessano? Al Papa e al solito prete che se li è presi a cuore, e si sgola a richiamare l’attenzione. Ma il sasso cade nell’acqua inerte di uno stagno. Stiamo pensando ad altro, alla crisi, alle elezioni forse, ai file di Wikileaks. Alle vacanze, i più fortunati. Di predoni, interessano solo quelli con le pinne, sul mare dove si affacciano i resort dove gli uomini "come noi" vanno, a Natale. [ drammatico appello dei cristiani, AL BOIA SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita.] Orrore Sinai, i rapiti uccisi per gli organi. Tratta di uomini e di organi.  SENZA PATRIA NÉ DIRITTI. Eritrei: Traffico di esseri umani. Business da 32 miliardi»  C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
1 mese fa

Benjamin Netanyahu HA DETTO: "CHE COSA POSSO FARE IO? answer [ prendi i carri armati, ed occupa definitivamente, tutto quel deserto! CONTRARIAMENTE, tu pagherai, con il tuo sangue, per il loro sangue!!"] «Siamo ridotti in catene». L’ultimo urlo degli eritrei. Diego Motta. 5 dicembre 2010. Il rumore arriva sordo alla cornetta del telefono. «Senti le catene? Ci hanno legato, come gli schiavi». La voce della ragazza eritrea, sequestrata in mezzo al deserto insieme ad altri 250 africani di varie nazionalità, arriva da uno dei due accampamenti scelti dai trafficanti di uomini per nascondere la loro vergogna: centinaia di uomini e donne africane, provenienti anche dall’Etiopia, dal Sudan e dalla Somalia, sono da settimane nelle mani di una banda senza scrupoli. Sognavano di arrivare in Occidente, invece sono in una delle tanti prigioni improvvisate nascoste intorno al Sinai. Sei di loro sono stati uccisi all’inizio di questa settimana, molti vengono torturati quotidianamente e sono in condizioni drammatiche. «Ora devo lasciarti, ricordati di mandare i soldi», è la frase più ricorrente che usano per troncare qualsiasi conversazione e "rassicurare" i loro aguzzini. Dall’altra parte del telefono, ci sono famiglie, soprattutto svizzere e svedesi, a cui viene chiesto un contributo economico. «Fai in fretta, altrimenti mi tolgono un rene». Sono i soldi del riscatto, l’unica cosa che interessa ai trafficanti di uomini del ventunesimo secolo: scovare chi, tra questa povera gente, ha parenti in Europa e con loro alzare la posta della liberazione. In Libia era di 2mila dollari mentre adesso, sulle alture del Sinai, il prezzo della libertà vale quattro volte tanto. «Hanno fiutato l’affare – spiega don Mosè Zerai, il sacerdote che dall’Italia sta dando voce alle vittime di questa vicenda – e lanciano ultimatum continui. Sono armati fino ai denti e probabilmente c’è qualcuno che li copre, all’interno di una zona non controllata». Sotto accusa, nelle ultime ore, è finito proprio il governo egiziano, a cui si sono rivolti nell’ordine la Farnesina, le organizzazioni delle Nazioni Unite che lavorano per i diritti umani e per i rifugiati, diverse Ong e le associazioni ecclesiali. «C’è una sostanziale inerzia da parte del Cairo» denuncia Matteo Pegoraro, copresidente del gruppo Everyone, una Ong che lavora nel campo dei diritti umani, che ha lanciato anche un appello all’Europa e ha chiesto il sostegno persino del Mossad israeliano, affinché aiuti le autorità locali nella cattura della banda. I profughi sono richiedenti asilo, in fuga perenne dalla loro terra, finiti in trappola prima in Libia, da dove sono successivamente scappati, e ora con il miraggio di arrivare in Israele, dove vorrebbero chiedere asilo politico. Ma la loro drammatica rincorsa, passata di trafficante in trafficante, di ricatto in ricatto, è divenuta ormai un caso internazionale. «Non è la prima volta che succede, ma è la prima volta che assistiamo a una deportazione di massa di queste proporzioni», è il monito duro di don Zerai. «Mai visto un traffico di esseri umani di queste dimensioni», conferma Laura Boldrini, portavoce dell’Alto commissariato Onu per i rifugiati (Acnur), che parla di «un fiorente business per questi sfruttatori, ancora più spregiudicati da quando sanno che sono chiuse le rotte d’accesso all’Europa che arrivano via mare». I gruppi criminali sono da sempre in agguato e, quando ti muovi nelle terre di nessuno, diventa impossibile garantire protezione da parte degli Stati, in alcuni casi conniventi proprio con le stesse organizzazioni. «Speriamo che la mobilitazione in corso per la liberazione dia presto i suoi frutti» spiega don Zerai. Il tempo della vergogna (e delle catene) è già scaduto.
[ drammatico appello dei cristiani, AL BOIA SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita.] Orrore Sinai, i rapiti uccisi per gli organi. Tratta di uomini e di organi.  SENZA PATRIA NÉ DIRITTI. Eritrei: Traffico di esseri umani. Business da 32 miliardi»  C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
1 mese fa

Benjamin Netanyahu HA DETTO: "CHE COSA POSSO FARE IO? answer [ prendi i carri armati, ed occupa definitivamente, tutto quel deserto! CONTRARIAMENTE, tu pagherai, con il tuo sangue, per il loro sangue!!"] Ricatti e fughe, continua il dramma degli eritrei. Paolo Lambruschi
2 dicembre 2010. Non è una spietata banda di predoni allo sbando, ma una vera e propria organizzazione di trafficanti di schiavi. Sono i rapitori che tengono in ostaggio i profughi eritrei nelle sabbie del Sinai e che minacciano di ucciderli tutti, nell’indifferenza dei governi e nel silenzio di molti media, se non verrà pagato un riscatto di 8mila dollari. Ne hanno già ammazzati 6 in 48 ore, tra lunedì e martedì.
Ieri il quadro si è arricchito con nuove testimonianze dei prigionieri. I carcerieri consentono loro chiamate con i cellulari a parenti e conoscenti per reperire il riscatto. E i racconti al telefonino, unico legame con il mondo, dimostrano che la rete dei trafficanti è ben radicata nel Nordafrica e in alcune città europee. Le modalità di pagamento prevedono infatti il pagamento attraverso agenzie di money transfer a persone residenti al Cairo oppure la consegna a emissari dell’organizzazione di sensali di uomini in alcune capitali europee, dove vive la nutrita diaspora dalla repubblica del Corno d’Africa. Chi ha potuto, ha pagato così, ma cifre più piccole, solo 500 - 1000 dollari, insufficienti per comprare la libertà. Dunque c’è un piano preordinato dietro al sequestro più di un mese fa del gruppo di 80 eritrei che aveva pagato i passatori per andare in Israele e da lì tentare la rotta terrestre che dalla Turchia arriva in Europa. «I 74 superstiti – racconta don Mosè Zerai, il sacerdote eritreo della diocesi dell’Asmara che vive Roma e che ha contati quotidiani con gli ostaggi – sono ormai in condizioni disperate. Mangiano una pagnotta ogni due giorni e bevono acqua salata che provoca forti disturbi, non si lavano e sono malmenati». Dopo il tragico tentativo di fuga di 12 persone, costato tre vittime, i criminali hanno spostato i prigionieri incatenati in capanne di fango e legno più piccole. Questo ha consentito di scoprire la presenza di almeno tre donne  in stato di gravidanza.
«Secondo il mio interlocutore ce ne sarebbero altre – conferma don Zerai - ma non sono in grado di dire quante». Intanto ieri è iniziata la mobilitazione delle organizzazioni umanitarie per rompere il muro del silenzio e chiedere al nostro governo di intervenire sul governo del Cairo per salvare gli ostaggi.
«Oggi – commenta padre Giovanni La Manna, presidente del Centro Astalli – assistiamo a una delle pagine più nere della nostra civiltà: la morte di esseri umani in cerca di libertà. Reagiamo a tutto ciò: poniamo fine alla distruzione del diritto d’asilo e ritorniamo a dare protezione ai perseguitati della terra. Non possiamo restare indifferenti – prosegue il gesuita –nell’apprendere le tragiche notizie che giungono dall’Egitto. Don Zerai sta denunciando un massacro di cui l’Europa e l’Italia sono corresponsabili. Esseri umani in pieno diritto di ottenere protezione internazionale hanno perso la vita nell’indifferenza assoluta delle istituzioni».
Anche la Comunità Papa Giovanni XXIII si è unita agli appelli. «Sei  rifugiati sono stati uccisi perché non hanno ceduto al ricatto – ricorda l’associazione – non hanno pagato il prezzo della loro libertà. Facciamo appello al governo italiano, al governo egiziano e alle autorità europee ed internazionali a tutela dei diritti umani affinché intervengano con urgenza perché vengano liberate e salvate queste vite». [ drammatico appello dei cristiani, AL BOIA SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita.] Orrore Sinai, i rapiti uccisi per gli organi. Tratta di uomini e di organi.  SENZA PATRIA NÉ DIRITTI. Eritrei: Traffico di esseri umani. Business da 32 miliardi»  C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
1 mese fa

Benjamin Netanyahu HA DETTO: "CHE COSA POSSO FARE IO? answer [ prendi i carri armati, ed occupa definitivamente, tutto quel deserto! CONTRARIAMENTE, tu pagherai, con il tuo sangue, per il loro sangue!!"] Libia, orrore nel Sinai: uccisi altri tre eritrei. 1 dicembre 2010. Sei morti ammazzati in 48 ore. Cadono come mosche, al ritmo di tre vite umane al giorno, gli 80 eritrei fuggiti dalla Libia nel tentativo di raggiungere l’Europa attraverso Israele e caduti da oltre un mese nelle mani di una banda di spietati trafficanti di esseri umani nel Sinai. L’allarme è stato rilanciato sul blog dell’agenzia di cooperazione Habeshia dal sacerdote eritreo cattolico della diocesi dell’Asmara Mosè Zerai, che vive a Roma e che dalla capitale, dallo scorso 24 novembre, è in contatto telefonico con questi sventurati in trappola. Ai quali i carcerieri lasciano usare il cellulare per implorare il pagamento del riscatto di 8mila dollari. Al confine tra Egitto e Israele, si sta consumando l’ennesima tragedia dell’immigrazione nell’indifferenza dei governi e nel silenzio dei media. Ieri altri tre eritrei sono stati massacrati a bastonate dai banditi, che tengono in ostaggio i profughi in una località indefinibile. Si tratta di persone che, una volta giunte sul suolo europeo, avrebbero diritto di chiedere asilo. Nel deserto la loro vita vale  poche migliaia di dollari. L’odissea è iniziata più di un mese fa, quando i passatori avevano promesso di trasportare i fuggitivi oltre la frontiera con lo stato ebraico in cambio del pagamento di duemila dollari. Ma li hanno ingannati, fermando il camion dei profughi in mezzo al deserto e chiedendo 8mila dollari a testa per lasciare gli ostaggi in vita. Da lunedì è cominciata la mattanza. L’altro ieri tre persone erano state torturate e uccise a sangue freddo con la pistola perché non era stato pagato il riscatto, ieri un tentativo disperato di fuga di una dozzina di profughi è stato fermato e represso con violenza bestiale lasciando sul terreno altri tre cadaveri. Dalle informazioni in possesso del prete eritreo risulta che gli ostaggi sono quasi tutti sotto i trent’anni. Nel gruppo vi sono anche alcune donne. Sono tenuti prigionieri in condizioni inumane, in catene, maltrattati, con vitto scarso e senza potersi lavare. In tutto nell’area vi sarebbero 600 ostaggi provenienti da Corno d’Africa e Sudan. «Ho parlato con alcuni ostaggi eritrei ieri mattina – racconta don Zerai – mi hanno detto che i rapitori sono armati fino ai denti e determinati. Stanno perdendo le speranze di restare vivi, non c’è più tempo. Dove sono? Non riescono a identificare la località, sono stati incappucciati durante il trasbordo. Mi hanno riferito di vedere dalla prigionia una scuola e una moschea. Può agire solo il governo egiziano. Ma serve un intervento urgente dei governi europei sul Cairo per salvare i 74 superstiti o moriranno nell’indifferenza delle istituzioni nazionali e internazionali». Non si escludono connivenze dell’organizzazione di trafficanti con la polizia. Lunedì don Zerai è stato ascoltato a Bruxelles in un’audizione al Parlamento europeo senza, però, ottenere molto. Ma qualcosa si muove. L’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati ha segnalato il caso alle autorità egiziane. Ieri le senatrici del Partito Democratico Emanuela Baio e Mariapia Garavaglia, componenti della commissione diritti umani di palazzo Madama, hanno lanciato un appello: «Salviamo la vita degli eritrei che muoiono nel deserto del Sinai, una parte di loro risulta essere stata respinta dalla Libia» . «Risulta che, al confine tra Egitto ed Israele, – si legge in una nota delle due senatrici – nel deserto del Sinai, luogo simbolo per la cristianità, dove sono state consegnate a Mosè le tavole dei 10 Comandamenti, si consumino ogni giorno efferati delitti impuniti. E sembra che queste violenze lascino diversi Stati e il nostro governo completamente disinteressati». Le parlamentari hanno firmato l’interrogazione   presentata la scorsa settimana dal Presidente della commissione Diritti umani del Senato Pietro Marcenaro e hanno chiesto al ministro degli Esteri Frattini di riferire in Senato. «Chiediamo di sapere cosa stia facendo il Governo italiano verso quello egiziano per liberare i profughi e cosa stia facendo verso la grande Repubblica Araba di Libia, popolare e socialista  per difendere il diritto alla protezione umanitaria. Un paese con il quale abbiamo siglato poco tempo fa un accordo costato non poco alle casse dello Stato».  [ drammatico appello dei cristiani, AL BOIA SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita.] Orrore Sinai, i rapiti uccisi per gli organi. Tratta di uomini e di organi.  SENZA PATRIA NÉ DIRITTI. Eritrei: Traffico di esseri umani. Business da 32 miliardi»  C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
1 mese fa

Benjamin Netanyahu HA DETTO: "CHE COSA POSSO FARE IO? answer [ prendi i carri armati, ed occupa definitivamente, tutto quel deserto! CONTRARIAMENTE, tu pagherai, con il tuo sangue, per il loro sangue!!"] ODISSEA DEGLI ERITREI
01/01/2011
Sinai, le voci dall’orrore
30/12/2010
Eritrei, «I predoni stanno separando gli ostaggi»
29/12/2010
L’Egitto ammette: sono 300 gli ostaggi eritrei
28/12/2010
Gli egiziani arrestano migranti alla frontiera. Paura per gli eritrei
24/12/2010
Eritrei, venti ostaggi liberati Torture a chi non paga
23/12/2010
Eritrei, la suora testimone: «Picchiato a morte chi non paga»
22/12/2010
L'odissea degli eritrei: «Noi, picchiati con spranghe»
18/12/2010
«Mio cugino ostaggio tra gli eritrei. Vi racconto il ricatto»
17/12/2010
Il popolo dei senza nome chiama un sussulto di umanità
17/12/2010
La Ue in campo: salvare subito i profughi eritrei
17/12/2010
«Ho pagato per salvare mio fratello dai predoni»
13/12/2010
Profughi eritrei nel Sinai: si mobilita il Parlamento Ue
10/12/2010
Elogio del predone
08/12/2010
Prigionieri eritrei, si muovono gli 007 egiziani
07/12/2010
Eritrei, l'appello del Papa. Pagata una parte del riscatto
07/12/2010
Quanto vale un non-uomo?
05/12/2010
«Siamo ridotti in catene». L’ultimo urlo degli eritrei
02/12/2010
Ricatti e fughe, continua il dramma degli eritrei
01/12/2010
Libia, orrore nel Sinai: uccisi altri tre eritrei
 [ drammatico appello dei cristiani, AL BOIA SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita.] Orrore Sinai, i rapiti uccisi per gli organi. Tratta di uomini e di organi.  SENZA PATRIA NÉ DIRITTI. Eritrei: Traffico di esseri umani. Business da 32 miliardi»  C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
1 mese fa

Benjamin Netanyahu HA DETTO: "CHE COSA POSSO FARE IO? answer [ prendi i carri armati, ed occupa definitivamente, tutto quel deserto! CONTRARIAMENTE, tu pagherai, con il tuo sangue, per il loro sangue!!"] ODISSEA DEGLI ERITREI
01/01/2011
Sinai, le voci dall’orrore
30/12/2010
Eritrei, «I predoni stanno separando gli ostaggi»
29/12/2010
L’Egitto ammette: sono 300 gli ostaggi eritrei
28/12/2010
Gli egiziani arrestano migranti alla frontiera. Paura per gli eritrei
24/12/2010
Eritrei, venti ostaggi liberati Torture a chi non paga
23/12/2010
Eritrei, la suora testimone: «Picchiato a morte chi non paga»
22/12/2010
L'odissea degli eritrei: «Noi, picchiati con spranghe»
18/12/2010
«Mio cugino ostaggio tra gli eritrei. Vi racconto il ricatto»
17/12/2010
Il popolo dei senza nome chiama un sussulto di umanità
17/12/2010
La Ue in campo: salvare subito i profughi eritrei
17/12/2010
«Ho pagato per salvare mio fratello dai predoni»
13/12/2010
Profughi eritrei nel Sinai: si mobilita il Parlamento Ue
10/12/2010
Elogio del predone
08/12/2010
Prigionieri eritrei, si muovono gli 007 egiziani
07/12/2010
Eritrei, l'appello del Papa. Pagata una parte del riscatto
07/12/2010
Quanto vale un non-uomo?
05/12/2010
«Siamo ridotti in catene». L’ultimo urlo degli eritrei
02/12/2010
Ricatti e fughe, continua il dramma degli eritrei
01/12/2010
Libia, orrore nel Sinai: uccisi altri tre eritrei
 [ drammatico appello dei cristiani, AL BOIA SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita.] Orrore Sinai, i rapiti uccisi per gli organi. Tratta di uomini e di organi.  SENZA PATRIA NÉ DIRITTI. Eritrei: Traffico di esseri umani. Business da 32 miliardi»  C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
1 mese fa

Benjamin Netanyahu HA DETTO: "CHE COSA POSSO FARE IO? answer [ prendi i carri armati, ed occupa definitivamente, tutto quel deserto! CONTRARIAMENTE, tu pagherai, con il tuo sangue, per il loro sangue!!"] ODISSEA DEGLI ERITREI [ drammatico appello dei cristiani, AL BOIA SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita.] Orrore Sinai, i rapiti uccisi per gli organi. Tratta di uomini e di organi.  SENZA PATRIA NÉ DIRITTI. Eritrei: Traffico di esseri umani. Business da 32 miliardi»  C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
 ·
ShalomGerusalemme
1 mese fa

Benjamin Netanyahu HA DETTO: "CHE IMPORTA A ME? MICA SONO ISRAELIANI!"] ODISSEA DEGLI ERITREI [ drammatico appello dei cristiani, AL BOIA SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita.] Orrore Sinai, i rapiti uccisi per gli organi. Tratta di uomini e di organi.  SENZA PATRIA NÉ DIRITTI. Eritrei: Traffico di esseri umani. Business da 32 miliardi» Paolo Lambruschi. 26 gennaio 2011.Alessandro Calvani è una delle persone che meglio conosce la realtà sommersa del traffico di esseri umani per averla combattuta per anni come direttore dell’Unicri, l’ufficio Onu che contrasta il crimine internazionale. Oggi vive a Bangkok dove dirige il Centro Asean per lo sviluppo. Secondo le Nazioni Unite, sono 12 milioni le vittime del lavoro forzato. Ogni anno sono tra 700.000 e 900.000 le nuove vittime del traffico internazionale che si aggiungono a 2,5 milioni di persone già nel giro. Circa il 20% sono minorenni; quasi l’80% di sesso femminile. Il 79% è stato vittima di sfruttamento a fini sessuali.
Quali sono i volumi di affari dei nuovi mercanti di schiavi e i trend per i prossimi anni? Abbiamo stime incomplete. Ad esempio oltre 70.000 persone all’anno sono vittime della tratta tra l’Europa orientale e la Russia verso l’Europa occidentale, che crea un guadagno per i trafficanti di quasi tre miliardi di euro l’anno. Il valore della tratta di esseri umani a livello globale corrisponde a circa 32 miliardi di dollari all’anno, di cui 9,7 appartengono al mercato asiatico, dove sono trafficate circa 1,4 milioni di persone all’anno. E solo in Messico la tratta procura ai trafficanti tra i 15 e i 20 miliardi di dollari annui. Se nulla cambia, il trend sarà di crescita, pari almeno alla crescita dell’economia lecita. Quali sono le caratteristiche del traffico in Asia? Le vittime potenziali aumentano in fretta ovunque c’è distruzione dei tessuti sociali, delle famiglie soprattutto, causati da conflitti e disperazione economica. Il governo thailandese continua il suo impegno per ridurre il fenomeno delle vittime nell’area dei paesi del Mekong. Ma in Myanmar la miseria è cronica soprattutto tra le minoranze etniche, che sono il 40% della popolazione. A volte sono le famiglie a vendere una bambina ai trafficanti per avere il riso per altri tre mesi. In Cambogia è diminuita la povertà ma è cresciuta la disuguaglianza. Il Laos rimane uno dei paesi più poveri della regione. C’è una forte crescita del traffico verso il Sud-Est Asiatico da altre aree del mondo.
Come sono strutturate le reti dei trafficanti? C’è una regia unica?
Non c’è una Spectre globale di tipo piramidale come le mafie. C’è però una forte rete diffusa di collaborazioni e collusioni che rende efficienti i traffici in termini di collegamenti tra domanda e offerta, sistemi finanziari, impunità, corruzione di ogni forma di resistenza. Ogni anello della catena del traffico conosce solo l’anello precedente e quello seguente e ottimizza solo quelle due relazioni. Questo metodo minimizza anche l’impatto, peraltro scarso, delle investigazioni e della repressione. Nella vicenda degli eritrei rapiti nel Sinai si sospetta vi sia la regia di Hamas e di Al Qaeda. I proventi del traffico di esseri umani vanno a finanziare le attività terroristiche? Il prodotto criminale mondiale è una specie di borsa mondiale dei titoli delle imprese di saccheggio globale. Il capitale va dove è più remunerato, dove le azioni crescono più in fretta e con meno rischi. Ovvio che tutte le sinergie sono cercate dovunque possibile. Se un trafficante di persone paga per garantirsi che un camion passi un posto di frontiera o perché un peschereccio entri ed esca da un porto senza che nessuno ci guardi dentro, vuole che non venga massimizzata l’opportunità mettendoci dentro anche soldi, e armi, oltre che esseri umani? In trent’anni in prima linea nelle crisi umanitarie più gravi e nei conflitti più sanguinosi, non ne ho mai visto uno dove capitali illeciti, conflitti e crimini non fossero associati. Il terrorismo ha bisogno di armi, soldi, risorse umane. Il crimine organizzato può fornire soldi e armi in cambio di copertura dei suoi traffici, compresi i rifiuti tossici e i beni forestali. Le risorse umane le forniscono invece l’assenza di dialogo negli scenari di crisi e gli stati falliti laddove l’economia illecita funziona meglio di quella lecita.
È migliorata la collaborazione tra polizie per stroncare il traffico ci persone?
Le forze di polizia collaborano molto meglio di dieci anni fa. Ma non si può fermare un fenomeno sociale, economico e in qualche modo un’omissione politica solo usando le manette. Che tipo di protezione va assicurata alle vittime della tratta? Le vittime della tratta hanno diritto alla protezione come vittime, come testimoni del modus operandi di uno dei crimini più mostruosi del nostro tempo e, in molti casi, anche come rifugiati, visto che la loro vita sarebbe minacciata se tornassero nel paese di origine. Secondo lei l’opinione pubblica è adeguatamente informata? Mi pare di no. Se tutti sapessero quello che c’è dietro a queste rapine di dignità umana parecchi si ribellerebbero all’ignavia delle autorità o sfonderebbero le porte di certi postriboli per liberare le vittime. . C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!